Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

La 57enne era affetta da tempo da una grave malattia degenerativa ed era ricoverata presso l'istituto Menegazzi di Treviso. Il ricordo dei colleghi:«Persona schiva e grande professionista»

Nella foto Paola Maiorana

Se n'è andata in silenzio, quel silenzio che rompeva con la voce e la parole che hanno affascinato migliaia di ascoltatori, gente che a distanza di qualche anno da quell'addio alla radio ancora chiedeva di lei. Ieri, mercoledì 18 novembre Paola Maiorana, 57 anni di Treviso, voce storica delle radio trevigiane, è andata "off air" per sempre. A strapparla alla vita è stata una forma particolarmente aggressiva di una malattia degenerativa che prima si è presa la sua mente e poi il resto del corpo. I funerali di Paola avverranno lunedi' prossimo, 23 novembre, presso la chiesa dell'Immacolata a Treviso.

Le voci sulla sua scomparsa avevano cominciato a circolare nelle serata di ieri, poi oggi la conferma arrivata dal fratello Michele, dipendente della Questura di Treviso. «Paola - dice - si è ammalata circa due anni fa. All'inizio erano comportamenti strani, poi gradatamente ha perso la cognizione del tempo e di sé, fino al ricovero all'Istituto Manegazzi, dove una decina di giorni fa le sue condizioni si sono aggravate. Era attaccata al respiratore dopo di chè é arrivata la crisi cardiocircolatoria che è risultato fatale».

Paola Maiorana aveva cominciato a lavorare come speaker radiofonica nella seconda metà degli anni '80 a Radio TeleTreviso, poi il passaggio a Radio Alfa, emittente storica dell'etere trevigiano. Infine era passata a Radio Bella e Monella e Birikina, dove aveva consolidato un pubblico di affezionatissimi ascoltatori. «Era una grande professionista - racconta Barry Mason, deejay che del gruppo fu il direttore nei primi anni del 2000 - una voce incredibile e una totale dedizione al suo lavoro, amava tanto».  «Persona schiva - spiega Roberto Zani, voce storica della mattina di Bella e Monella - molto precisa e molto pignola sul lavoro, una vera professionista, per lei la radio era tutto e alla radio ha dato tanto».   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento