Assegni scoperti per comprare auto usate: truffatore seriale in arresto

Un 40enne bloccato dai carabinieri di Mestre, ricostruiti numerosi episodi

Già sorpreso in passato come autore di truffe, non ha mai perso il "vizio" e ha continuato a raggirare il prossimo. Alla fine i carabinieri della compagnia di Mestre hanno arrestato M.R., italiano di 40 anni con precedenti, ricostruendo una serie di truffe (messe a segno nella provincia di Treviso) che l'uomo aveva compiuto nel settore della compravendita di automobili usate. Il quarantenne, infatti, per pagare utilizzava degli assegni che, al momento dell'incasso, risultavano scoperti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Assegni scoperti

Le numerose segnalazioni, tutte in serie e con lo stesso modus operandi, hanno portato a individuare il malvivente e a denunciarlo; dopodiché la magistratura trevigiana ha emesso un ordine di carcerazione eseguito ieri. Il quarantenne è stato accompagnato al penitenziario di Venezia, dove è chiamato a scontare una pena di 2 anni e 7 mesi di reclusione. Da notare che in passato il truffatore, che gestiva un autosalone a Zero Branco, era stato accusato di avere incassato anticipi per la vendita di veicoli che però non aveva mai consegnato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Tragico schianto contro un'auto, muore motociclista 61enne

  • Il direttore generale della Uls 2: «E' una tragedia, così riparte l'infezione e non sarà mai finita»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento