Coronavirus, ecco la nuova ordinanza di Zaia: via libera all'agonismo e alla visita congiunti

«Possibili le visite ai congiunti in tutto il territorio regionale ed è consentito spostarsi per raggiungere il luogo in cui svolgere sport a livello individuale»

Il Governatore domenica in conferenza stampa

La nuova ordinanza della Regione Veneto, in vigore dal 4 maggio, proroga alcune disposizioni e ne precisa altre, come annunciato dal governatore Luca Zaia domenica durante il consueto punto stampa alla sede della protezione civile di Marghera. Questi gli ultimi dati sanitari: 18.318 positivi (+74) e 1058 ricoverati (-12), mentre le terapie intensive sono 103 (-5), ma «festeggeremo quando andiamo sotto i 100» ha dichiarato Zaia. Sono invece 1516 i morti totali regionali: «Nel giro di sette giorni vedremo se siamo stati bravi a far scendere i ricoveri e le Terapie intensive, al di là di tutti gli algoritmi. Spetta a noi occuparci di sanità - dice il Governatore - Ma occorre pensare al bene comune e a tutelare il bene dei cittadini. I giovani sono le nostre sentinelle». Mascherina quindi obbligatoria, tranne in presenza di parenti conviventi e in caso di sport intensi come la corsa, finita la quale occorre tornare a indossarla. 

Mascherine

Obiettivo: tenere bassi ricoveri e Terapie intensive, anche nell'ordinanza. «Abbiamo cercato di fare disposizioni per titoli, alla veneta - dice Zaia - Non è in contrapposizione con le scelte nazionali. Rinnoviamo con alcune spiegazioni. Spostamenti: le visite ai congiunti sono ammesse in tutto il territorio regionale, anche persone legate da stabile legame affettivo», quindi anche i fidanzati (i "congiunti" sono i coniugi, i partner conviventi, i partner delle unioni civili, le persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché i parenti fino al sesto grado come, per esempio, i figli dei cugini tra loro, e gli affini fino al quarto grado come, per esempio, i cugini del coniuge). Il distanziamento non si applica alle persone conviventi, si legge nei titoli della disposizione. Prevenzione: nell'intero territorio regionale, in tutti i casi di uscita dalla proprietà, è obbligatorio l'uso della mascherina, di guanti o liquido igienizzante. Non soggetti all'obbligo i bambini al di sotto dei 6 anni e le persone con forme di disabilità. Per coloro che svolgono attività motoria intensa (corsa), non è obbligatoria la mascherina, salvo l'obbligo di rimetterla al termine dell'attività sportiva, come citato.

Sport

Attività motoria e sportiva: consentito lo svolgimento individuale o con componenti conviventi del nucleo famigliare: camminata, corsa, ciclismo, tiro con arco, pesca, ecc. È consentito spostarsi con mezzi pubblici e privati per raggiungere il luogo ma sempre all'interno del confine regionale. Consentito anche l'addestramento degli animali. L'attività agonistica per professionisti, sport individuali e non, è possibile a porte chiuse, anche in piscina o nel campo da calcio, comunque all'interno di impianti. 

Seconde case e asporto

E' consentito andare verso la seconda casa anche camper e imbarcazioni, è possilbile al fine dello svolgimento di manutenzioni, sia per proprietari che locatari. È ancora disposta, invece, la chiusura nei giorni festivi di alimentari. Consegna a domicilio: è sempre ammessa, anche per le attività sospese con uso di mascherine e guanti. È ammessa la vendita di cibo con consegna a domicilio. Da asporto: confermata la vendita di cibo con ordinazione telefonica, ingressi contingentati, distanziamento e dispositivi, e un cliente alla volta. Non è ammesso consumare cibo sul posto. Si può mangiare a bordo del veicolo. 

Spostamenti, funerali, aree verdi e biblioteche

Utilizzo del veicolo privato: è consentito ospitare a bordo passeggeri, che non siano conviventi, ma solo con mascherine e distanziamento. È possibile accompagnare colleghi, sempre con la mascherina a bordo del veicolo. I distributori automatici sono aperti. Il mercato per l'alimentare è confermato come i banchi florovivaistici e abbigliamento per bambini, con ingresso e uscita stabiliti. È consentita la navigazione. Riti funebri: sono consentiti fino a un massimo di 15 persone, con dpi e il metro di distanza e preferibilmente all'aperto. L'apertura delle biblioteche è consentita per la sola modalità di prestito. Le aree verdi possono essere manutentate, così come orti, terreni agricoli, boschi e spiagge, anche fuori dal territorio comunale, per la gestione delgi stessi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento