menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Controlli polizia locale in Calmaggiore

Controlli polizia locale in Calmaggiore

Zona gialla: «Controlli anti assembramenti in centro»

Andrea Gallo, Comandante della polizia locale di Treviso, anticipa le misure già pronte per il fine settimana dopo l'ordinanza pubblicata dal Ministro Speranza

«Domenica non saremo ancora zona gialla ma avevamo disposto l'impiego di tre pattuglie e una decina di volontari della Protezione civile per evitare possibili assembramenti in centro».

Andrea Gallo, Comandante della polizia locale di Treviso, annuncia con queste parole il piano dei controlli per il fine settimana con il Veneto tornato in zona gialla grazie alla nuova ordinanza del Ministero della Salute. Il provvedimento sarà in vigore però da lunedì 1º febbraio e non da domenica, come si pensava in un primo momento. La polizia locale di Treviso, in ogni caso, è preparata: da domenica pomeriggio saranno in servizio tre pattuglie in più del solito per controllare l'arrivo di persone dai Comuni limitrofi. Schierati, insieme agli agenti ci saranno anche dieci volontari della Protezione civile pronti a monitorare le strade principali del centro storico. Poco più di un mese fa, il 12 dicembre scorso, il sindaco di Treviso aveva dovuto chiudere Calmaggiore per l'enorme ressa che si era creata nel weekend.

Quattro pattuglie per il rientro a scuola

Lunedì 1º febbraio sarà il primo giorno di scuola del 2021 per gli studenti degli istituti superiori. Quattro pattuglie monitoreranno le zone nevralgiche: dalla stazione dei treni a quella dei bus, la fermata dello stadio Tenni, il polo di San Pelaio e Viale Europa. Gli agenti di polizia locale saranno in servizio dalle ore 7 del mattino fino alle 14. In più ci sarà un agente che dalla Centrale operativa controllerà le telecamere di videosorveglianza sparse in città per segnalare subito eventuali assembramenti di studenti. A supporto della polizia locale anche in questo caso ci saranno i volontari della Protezione civile: una decina dislocati nei luoghi cruciali del traffico studentesco. Già attivata anche la collaborazione con i nuovi steward Mom incaricati di tenere sotto controllo gli assembramenti sulle navette dirette ai vari istituti superiori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento