Lunedì, 22 Luglio 2024
Economia

Danni da maltempo per l'agricoltura, Condifesa inizia la conta dei danni

Il presidente Valerio Nadal ha sottolineato: «In queste situazioni che definirei drammatiche, è emersa la solidarietà degli agricoltori che hanno messo a disposizione il loro tempo ed i loro mezzi per dare un aiuto alle imprese colpite dal maltempo nel raddrizzare i vigneti abbattuti dal vento»

Grandinate e vento forte che ha soffiato a tratti anche superando i 130 chilometri orari hanno lasciato il segno sulle aziende agricole della Marca: tra le imprese colpite dal maltempo alcune hanno perso l’80 per cento del prodotto, altre il 30 per cento. Ad avere la peggio i vigneti con i grappoli prossimi all’invaiatura, il mais che è in una fase molto delicata come la fioritura e i frutteti. Ma anche danni ai fabbricati e alle attrezzature produttive con la caduta di silos d’acciaio per la conservazione del vino e a un centinaio di arnie completamente rovesciate e che hanno richiesto l’intervento urgente degli apicoltori. In Condifesa TVB il Consorzio della attività agricole dalle avversità che associa oltre 10mila agricoltori, è iniziata la conta dei danni, attraverso le perizie fatte dai tecnici del Consorzio e della compagnie assicurative. Il presidente Valerio Nadal ha sottolineato: «In queste situazioni che definirei drammatiche, è emersa la solidarietà degli agricoltori che hanno messo a disposizione il loro tempo ed i loro mezzi per dare un aiuto alle imprese colpite dal maltempo nel raddrizzare i vigneti abbattuti dal vento». In tema di risarcimenti Nadal ha spiegato che «chi è assicurato non avrà problemi e sarà indennizzato in modo pressoché totale per il raccolto perso. Per chi ha aderito al Fondo mutualistico ci saranno inoltre risarcimenti anche per i danni causati dal forte vento ai pali e piante spezzate con un indennizzo fino a 2mila euro per ettaro e 10mila euro per azienda. Un contributo per aiutare l’azienda a ripristinare il vigneto in modo ottimale».

Filippo Codato direttore Condifesa TVB ha concluso: «Quantificare i danni di questo evento ora è difficile perché si tratta di situazioni molto puntiformi. Sia la grandine che il vento hanno colpito una parte dei vigneti e alcuni di fianco non hanno subito danni anche all’interno della stessa azienda. Filari abbattuti e filari di fianco illesi. Nelle prossime settimane saremo in grado di verificare l’importo del danno puntualmente».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni da maltempo per l'agricoltura, Condifesa inizia la conta dei danni
TrevisoToday è in caricamento