Ondata di maltempo: in arrivo temporali, nubifragi e burrasche di vento

Edoardo Ferrara di 3Bmeteo.com: «L'autunno affonda il colpo sull'Italia con una nuova intensa perturbazione che ci accompagnerà per diversi giorni. Attesa la neve sulle Alpi fin verso i 1500-1600m»

La previsione meteo del weekend

IN ARRIVO UNA INTENSA PERTURBAZIONE ATLANTICA

«L'autunno torna a ruggire sull'Italia con una intensa perturbazione atlantica che aprirà una nuova fase di maltempo soprattutto al Centronord - lo conferma il meteorologo di 3bmeteo.com Edoardo Ferrara che spiega - Venerdì piogge e temporali si intensificheranno al Nord e in particolare tra Liguria, Piemonte, nordovest Lombardia ed Emilia più occidentale, dove saranno possibili anche locali nubifragi. Piogge e rovesci avanzeranno anche su Trentino Alto Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia, concentrandosi però soprattutto su Alpi, Prealpi e pedemontane. Coinvolta anche la Toscana specie settentrionale, con rischio forti precipitazioni sopratutto tra Lunigiana e Garfagnana, mentre sul resto del Centrosud il tempo sarà spesso asciutto, al più a tratti nuvoloso, salvo qualche pioggia sul versante ionico. Nel frattempo i venti saranno già in netto rinforzo tra Scirocco e Libeccio, con raffiche di oltre 60-70km/h su Tirreno, Sardegna e Liguria e mareggiate sulle coste esposte».

WEEKEND BURRASCOSO CON TEMPORALI, FORTE VENTO E ANCHE LA NEVE

«Sabato transiterà una forte perturbazione che porterà una passata di rovesci e temporali non solo al Nord ma questa volta anche sulle regioni del Centro - avverte l'esperto di 3bmeteo.com - non si escludono locali nubifragi e grandinate tra Liguria, Emilia Romagna, Triveneto, Toscana, Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo. Gli accumuli complessivi insieme alla giornata di venerdì potranno inoltre superare anche i 100-150mm su Liguria, alta Lombardia, alto Piemonte, Trentino, Prealpi venete, Friuli Venezia Giulia e Toscana nord occidentale. Domenica dopo una breve tregua iniziale altri acquazzoni e temporali bagneranno il Centronord, specie il versante tirrenico, mentre il Sud continuerà a rimanere ai margini dell'azione ciclonica, con maggiori spazi assolati e pochi spunti piovosi. Il tutto accompagnato da venti anche forti ora di Libeccio, ora di Scirocco, con raffiche di oltre 60-70km/h al Centrosud, fino a 100km/h sull'Appennino; è inoltre attesa l'acqua alta a Venezia. Le temperature infine saranno un continuo saliscendi con una prima impennata termica al Centrosud indotta dai venti di Scirocco, poi calo termico nel weekend soprattutto al Nord dove tornerà la neve sulle Alpi a tratti fin verso i 1500-1600m».

POTENTE CICLONE SULLA FRANCIA, RAFFICHE OLTRE 120 KM/H

«La perturbazione che ci colpirà sarà collegata a un profondo ciclone in formazione sulla Francia occidentale, dove sono attese condizioni di maltempo particolarmente severo tra venerdì e il weekend. Sono infatti previsti venti tempestosi con raffiche anche superiori ai 120-130km/h in particolare tra Bretagna, Normandia, Loira e Aquitania. Maltempo e venti forti anche su Spagna settentrionale e Inghilterra, dove non si escludono danni e disagi» concludono da 3bmeteo.com.

Allerta della protezione civile della Regione in tutto il Veneto

Una nuova, intensa, ondata di maltempo sta per interessare l’intero territorio del Veneto, con diversi livelli di forza. Alla luce delle previsioni meteo, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione ha diramato un Avviso di Criticità Idrogeologica e Idraulica, dichiarando lo Stato di Attenzione, di Preallarme e di Allarme in diversi bacini idrografici a partire dalle ore 12.00 di domani, venerdì 2 ottobre, fino alle ore 24.00 di sabato 4 ottobre.

Per domani, è previsto tempo perturbato con precipitazioni in progressiva estensione e intensificazione sulle zone centro-settentrionali della regione, anche con rovesci e fenomeni che tenderanno a divenire forti e persistenti soprattutto su Prealpi e Dolomiti meridionali. La fase più intensa delle precipitazioni è attesa tra il pomeriggio/sera di domani e la prima parte di sabato. Nel pomeriggio-sera di sabato le precipitazioni tenderanno a diradarsi.

Lo Stato di Allarme (allerta rossa) per criticità idrogeologica è dichiarato sul bacino Piave Pedemontano, dove è dichiarato anche lo Stato di Preallarme (allerta arancione) per criticità idraulica sulla rete principale.

Lo Stato di Preallarme (allerta arancione) è dichiarato anche sui bacini Alto Piave; Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone e Basso Brenta-Bacchiglione.

Lo Stato di Attenzione (allerta gialla) per criticità idraulica sulla rete principale è dichiarato sui bacini Alto Piave; Piave-Pedemontano; Adige-Garda e Monti Lessini; Basso Piave-Sile e Bacino Scolante in Laguna; Livenza-Lemene-Tagliamento.

Lo Stato di Attenzione (allerta gialla) per criticità idrogeologica è dichiarato sui bacini Adige-Garda-Monti Lessini; Basso Brenta-Bacchiglione; Basso Piave-Sile e Bacino Scolante in Laguna; Livenza-Lemene-Tagliamento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento