Estetista bimbe sotto 12 anni: appello di Donazzan e Coppola

Gli assessori regionali Donazzan e Coppola (PdL) hanno invitato le mamme venete a tenere le figlie alla larga dai centri estetici. La titolare di "Little Lolas" replica: "Si tratta di un servizio pensato per le mamme"

Nonostante le spiegazioni date dalla titolare, il centro estetico per bambine dai 2 ai 12 anni continua ad scuotere l'opinione pubblica trevigiana.

Ieri gli assessori veneti del PdL alla Formazione e alle Pari opportunità, Elena Donazzan e Isi Coppola, hanno lanciato un appello alle mamme "perché tengano lontane le loro bimbe dai baby centri di bellezza: teniamole a debita distanza da modelli educativi distorti improntati solo sulla superficialità e non sul merito".

Come donne, i due assessori si sono dette "turbate da iniziative del genere", augurandosi che "chi le ha pensate cambi idea". L'idea, secondo Donazzan "nasce da un modello educativo discutibile che, a mio avviso, deve essere rigettato con forza".

"Tutte le bambine da piccole cercano di imitare la loro mamma: ma un conto è l'emulazione, il sognare a occhi aperti una vita 'adulta' - le fa eco Coppola - un altro essere trattati da adulti quando non si ha ancora la maturità intellettuale per avere un senso del limite".

Sull'argomento, in difesa della propria iniziativa, è tornata anche Loredana Lagonigro, titolare del centro estetico "Lolas", che ha invitato i concittadini a a verificare personalmente la natura della proposta. "Il nostro 'angolo bimbi' - ha ribadito - è un bel modo per evitare alle nostre clienti di ricorrere continuamente al babysitting".

"È un servizio pensato per le nostre mamme e per divertire i loro figli - ha continuato Lagonigro - I bambini sono sempre felici di provare nuovi giochi e in nuovi contesti ed in questo caso rappresenta un momento di complicità nel rapporto genitori-figli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lagonigro ne ha approfittato per spiegare anche il nome dell'attività, dopo gli equivoci nati attorno al nome "Lola" e la spontanea associazione al concetto di "Lolita". La titolare ha spiegato che la sigla del negozio deriva semplicemente dalla combinazione delle prime due sillabe dei propri nome e cognome.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioca al Lotto e vince 165mila euro centrando una quaterna

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Ex Caserma Serena: 133 migranti positivi al test del tampone

  • Disperate le condizioni del bimbo schiacciato da un cancello scorrevole

  • Cancello scorrevole si stacca e travolge bimbo di quattro anni, grave in ospedale

  • Coronavirus, Zaia: «In Veneto misure prorogate fino al 15 ottobre»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento