rotate-mobile
Politica Conegliano

Zaia a Conegliano: “Per essere credibili bisogna saper governare”

A fianco del Senatur Umberto Bossi, sabato sera a Conegliano, c'era anche il governatore del Veneto, Luca Zaia

Al comizio di Umberto Bossi a Conegliano, sabato sera, c’era anche il governatore del Veneto, Luca Zaia.

Il governatore regionale è corso in difesa del suo leader, tuonando dal palco che “Bossi è Bossi” e non c’è da porsi il problema “se uno è bossiano o no, perché Bossi è la Lega”.

Secondo Zaia il rinnovamento “si fa con i congressi, non sui giornali”. “Abbiamo i congressi già convocati – ha affermato Zaia – e il popolo della Lega in quella sede si esprimerà rispetto alla governance”.

Nel suo intervento Zaia ha toccato anche l’argomento Movimento 5 Stelle, spesso tirato in ballo e messo a confronto con la Lega degli esordi, dichiarando che “oltre a parlare di distruggere, per essere credibili occorrerebbe saper fare delle proposte".

"L'antipolitica - ha affermato il governatore Veneto - l'abbiamo conosciuta anche noi, ma c'è da dire anche che dopo le elezioni bisogna essere in grado di governare".

Dopo essersi confrontato con il fenomeno Beppe Grillo, Zaia ha commentato la proposta dell’ex alleato Angelino Alfano: “Mi fa piacere che abbia parlato di compensare i crediti fiscali delle imprese da parte della pubblica amministrazione con il taglio delle tasse. Lo sto dicendo da una vita".

Zaia e Alfano, dunque, sono sulla stessa lunghezza d’onda. "Penso che un Paese civile - ha aggiunto il governatore leghista - non può avere uno Stato che non paga i debiti. Noi siamo in un Paese in cui lo Stato è il primo a non pagare i conti".

"Ci sono imprese che avanzano dallo Stato l'Iva - ha concluso - ed è scandaloso che oltre a dover pagare le tasse siano anche esecutate a pagarle".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia a Conegliano: “Per essere credibili bisogna saper governare”

TrevisoToday è in caricamento