rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Politica Vedelago

Comunali, a Vedelago il vicesindaco Marco Perin strappa con la Lega e si candida

Negli ultimi due mandati ha affiancato Cristina Andretta (che lo supporterà): alle elezioni sfiderà il candidato proposto da Fratelli d'Italia e Carroccio, Giuseppe Romano: «Le logiche politiche nazionali hanno avuto la priorità su Vedelago e questo senza tener conto delle persone, delle esperienze e dei risultati»

Marco Perin, 47 anni, geometra e imprenditore, sposato con Stefania e padre di 3 figli, si candida a Sindaco di Vedelago. La notizia era nell'aria ma è stata ufficializzata ieri, sabato 8 aprile, con un comunicato in cui Perin rompe di fatto con la Lega e si pone come avversario di Giuseppe Romano, il nome scelto da Fratelli d'Italia e Lega per le prossime comunali.

Figura molto conosciuta a Vedelago, specie nella sua frazione di provenienza, Fanzolo, Perin arriva da un’esperienza ultraventennale nell’amministrazione del Comune. Il suo primo incarico risale, infatti, al 1999 quando, a soli 23 anni, è stato eletto consigliere e poi nominato assessore allo sport e politiche giovanili aggiudicandosi il primato dell’amministratore più giovane della storia di Vedelago. Prosegue il suo impegno amministrativo ricoprendo l’incarico di consigliere di minoranza dal 2004 al 2009, quello di vicesindaco e assessore alle attività produttive dal 2009 al 2012 e quello di vicesindaco e assessore al bilancio e ai lavori pubblici dal 2013 al 2018 con il sindaco Cristina Andretta. Attualmente è vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, all’ambiente, al patrimonio e al personale. Tra gli altri incarichi, dal 2010 al 2012 è stato presidente della Consulta e attività economiche e turismo Anci Veneto e nel 2017 presidente di Marca Riscossioni (Ctm). Una candidatura “naturale”, quella di Perin, che in questi ultimi due mandati è sempre stato in prima fila sia nella realizzazione dei punti programmatici che nella gestione delle emergenze.

«Credo che i 24 anni di esperienza rappresentino un bagaglio ed una forza da mettere a disposizione della comunità» ha spiegato in una nota Marco Perin -. In questi anni ho potuto constatare quanto sia importante essere presenti e lavorare con costanza e impegno. Amministrare un Comune non è una cosa semplice, specie negli ultimi anni, perché sono cambiate molte cose e, seppur ogni volta che si pensa al pubblico, in genere, la cosa che viene in mente sono le tempistiche lunghe, posso invece assicurare che la velocità con cui si evolvono le normative così come le possibilità e le opportunità è ben diversa, perché molto rapida. Per essere pronti è necessario non solo esserci, ma anche avere idee e progetti pronti adattando a volte le priorità. Ed anche questo è un aspetto che risulta difficile da comprendere dall’esterno. Il PNRR ci sta insegnando molto e la condivisione di idee e progetti è fondamentale, non solo a parole, perché poi diventano impegni e risultati concreti, come per esempio gli 8 milioni di euro che siamo riusciti ad ottenere in un solo anno per realizzare diverse opere tra cui il nuovo polo d’infanzia di Barcon che comprende un nuovo asilo nido e una nuova scuola per l’infanzia, come l’asilo nido per Casacorba o il finanziamento per il miglioramento sismico della scuola media, le piste ciclo-pedonali di Via Nazionale a Fossalunga, Via Spada a Fanzolo e Via Castellana a Vedelago e molti altri progetti che vedranno a breve la concretizzazione. E poi non basta essere felici per il risultato economico, perché è necessario lavorare ai progetti e risolvere le mille incombenze che quotidianamente arrivano: ecco perché fa la differenza l’impegno costante. Questo sul piano amministrativo. La proposta di governo di Perin è nel segno della continuità rispetto all’attuale amministrazione, non senza tener conto delle nuove sfide».

«Sul piano politico ritengo invece» continua Perin «sia arrivato il momento di proporsi per la guida di Vedelago indipendentemente dalla scelta dei partiti, che rispetto. Le logiche politiche nazionali hanno avuto la priorità su Vedelago e questo senza tener conto delle persone, delle esperienze e dei risultati. Per molti non sarà così semplice da comprendere ma per chi conosce questi ‘meccanismi’ è in linea con quello che è successo negli anni. Per me la priorità resta Vedelago e forse il mio impegno di tutti questi anni lo dimostra».

«Quali sfide ci attendono?» conclude Perin «Quella di continuare a investire nell’edilizia scolastica, quella di rendere completo il percorso di mobilità sostenibile unendo tutto il territorio con percorsi adeguati, quello di una grande viabilità alternativa per Vedelago ottenibile attraverso un unico strumento che si chiama Piano ambientale perché è l’unico vero progetto in grado di riqualificare le aree di attività di cava e al tempo stesso di creare delle opportunità, doverose, per il territorio ma anche di poter concretizzare la tanto attesa circonvallazione di Vedelago che consentirà di eliminare il traffico pesante del centro ma non solo e di realizzare la nuova piazza di Vedelago. L’esperienza insegna, sì tanto, ma non bisogna mai pensare che basti. Lo sguardo deve essere rivolto sempre al futuro e su questo sarò supportato da un bel gruppo che con umiltà e rispetto cercherò sempre di ascoltare. E per finire una promessa: continuerò ad essere coerente con i miei ideali ed il mio modo di essere: ormai la gente mi conosce con i miei pregi e i miei difetti. Negli anni posso dire che ho incontrato molte persone, in ufficio in Comune, ma la maggior parte di loro li ho incontrati direttamente, sul luogo di lavoro, a volte anche fuori dalla Chiesa, al bar e a casa loro, nel mio vivere quotidiano. Questo per me significa essere a disposizione ma soprattutto questo sono io, ieri, oggi e domani. Continuerò pertanto a vivere tra la gente come già faccio 365 giorni all’anno, convinto che è solo dal confronto e dalla relazione con i concittadini che gli amministratori possono cogliere i bisogni reali della comunità. E solo il contatto diretto consente di avere riscontro immediato di ciò che va bene e quello che va migliorato. Perciò la campagna elettorale non potrà che essere tra e con la gente. Essere amministratori significa rappresentare la tua comunità e per farlo devi conoscerla».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali, a Vedelago il vicesindaco Marco Perin strappa con la Lega e si candida

TrevisoToday è in caricamento