Decreto sicurezza, Conte esulta: «Naufragata la linea dei sindaci dissidenti»

Il primo cittadino di Treviso, Mario Conte, ha incontrato lunedì mattina a Roma il presidente del Consiglio insieme a una delegazione di sindaci Anci per parlare del decreto Salvini

Il sindaco di Treviso Mario Conte con il Ministro dell'Interno Salvini, promotore del Decreto Sicurezza

Lunedì mattina il sindaco di Treviso, Mario Conte, ha incontrato a Palazzo Chigi il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte insieme a una delegazione di sindaci dell'Anci. 

L'incontro è stato incentrato sul Decreto sicurezza ed ha visto la partecipazione di Antonio Decaro (presidente Anci e sindaco di Bari), Enzo Bianco (ex sindaco di Catania e presidente consiglio nazionale Anci), Umberto Di Primio (sindaco di Chieti), Matteo Biffoni (sindaco di Prato), Chiara Appendino (sindaco di Torino), Roberto Pella (vicepresidente Anci e sindaco di Valdengo) e Stefano Locatelli (sindaco di Chiuduno in provincia di Bergamo e responsabile enti locali della Lega).

incontro ANCI 1-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’incontro, a detta del primo cittadino di Treviso, è stato molto positivo e di fatto ha visto naufragare la linea dei sindaci che avevano annunciato la “disapplicazione” del decreto sicurezza. Anci ha portato sulla scrivania del Premier alcune proposte fra le quali la possibilità di mantenere l'accesso allo Sprar delle persone vulnerabili, l'applicazione di modalità uniformi per la presa in carico da parte delle Asl dei richiedenti asilo e il diritto a conoscere le persone presenti nei centri di accoglienza (età, numero di componenti e sesso). Tali ipotesi risultavano comunque già al vaglio del Governo. «Durante il vertice - conclude il sindaco di Treviso - si è constatato ancora una volta come il decreto sicurezza rappresenti una strada positiva e concreta per risolvere definitivamente il nodo immigrazione anche grazie ai dati che vedono gli sbarchi ridotti al minimo storico». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borsa di cibo gettata tra i rifiuti: «Uno spreco che fa rabbia»

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Vasto incendio all'azienda agricola Vaka Mora: a fuoco 500 balle di fieno

  • Malattia fulminante spegne la vita della piccola Nicole a soli 12 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento