rotate-mobile
Attualità Susegana

Piave Servizi, presentato il nuovo progetto di estensione delle fognature per Colfosco e Ponte della Priula

L’investimento del gestore idrico ammonta a 4.800.000 euro. L’opera permetterà la separazione della fognatura mista e l’estensione della fognatura nera nelle frazioni di Colfosco e Ponte della Priula grazie alla revisione, estensione ed adeguamento dell’agglomerato fognario dei Comuni di Conegliano, San Pietro di Feletto, Santa Lucia di Piave e Susegana, con convogliamento dei reflui al depuratore della città del Cima

E' stato presentato  mercoledì 31 maggio, nella sala consiliare del municipio di Susegana, il progetto di aggregazione del sistema di fognatura e depurazione a beneficio dei Comuni di Conegliano, San Pietro di Feletto, Santa Lucia di Piave e Susegana. L’opera, finanziata da Piave Servizi con un investimento di 4.800.000 euro, permetterà la separazione della fognatura mista che, al termine dei lavori, verrà mantenuta unicamente per il drenaggio delle acque meteoriche, nonché l’estensione della fognatura nera, con l’obiettivo di estendere ulteriormente il perimetro del sistema fognario dei
quattro Comuni, convogliando i reflui al depuratore della città del Cima.

«La carenza e la scarsa qualità dell’acqua, assieme a sistemi sanitari inadeguati, hanno un impatto negativo sulla sicurezza alimentare – ha esordito il presidente di Piave Servizi, Alessandro Bonet – Un utilizzo idrico sostenibile, fondato sulla protezione a lungo termine delle risorse idriche disponibili, dunque, è fondamentale. La crisi climatica dei nostri giorni necessita di risposte concrete e tempestive, ma soprattutto un sistema resiliente, capace di anticipare il cambiamento senza subirlo». I lavori consentiranno una maggiore protezione dell’ambiente acquatico, anche attraverso l’adozione di misure specifiche per la graduale riduzione degli scarichi, delle emissioni; la graduale riduzione dell’inquinamento delle acque sotterranee e un fattivo contributo alla mitigazione degli effetti delle inondazioni e della siccità. 

«L'opera consiste nella realizzazione di una condotta in Polipropilene alto modulo di fognatura nera a gravità per circa 4.200 metri. Questo materiale, ecologico e studiato per durare diversi decenni, ci garantirà un’elevata resistenza alla corrosione e una bassa rugosità interna, permettendo un flusso dei fluidi più efficiente – ha dettagliato Bonet – Inoltre, nel progetto, redatto dal nostro ingegnere interno Raffaele Marciano, è prevista anche l’installazione di 6 stazioni di sollevamento».

Beneficeranno dell’opera più di 6.000 abitanti equivalenti, tra Colfosco e Ponte della Priula, misura utilizzata per stimare il carico organico e idraulico in carico ad un sistema di trattamento. Nello specifico, gli abitanti stimati nel centro di Colfosco sono 1.340, nel centro di Ponte della Priula 4.590. Commenta il Sindaco di Susegana Gianni Montesel: «A distanza di molti anni da quando erano stati interrotti i lavori di messa in opera della rete fognaria a Ponte della Priula, a causa dell’incertezza del recapito per la depurazione delle acque nere, finalmente c’è una grande soddisfazione per la certezza del disegno finale che andrà a risolvere un’enorme criticità anche di tipo urbanistico a Colfosco e Ponte della Priula. Si tratta di un progetto che comporterà qualche anno per la sua realizzazione e necessiterà della collaborazione di tutta la cittadinanza per i relativi allacci e l’impatto importante sulla
viabilità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piave Servizi, presentato il nuovo progetto di estensione delle fognature per Colfosco e Ponte della Priula

TrevisoToday è in caricamento