Domenica, 25 Luglio 2021
Attualità

L'Ulss 2 consegna ad Admo i proventi del calendario “Un anno in salute”

Realizzato dagli operatori dei pronto soccorso di Conegliano e Vittorio Veneto, il calendario solidale ha raccolto 7.100 euro frutto delle offerte libere per le circa 1.700 copie

Consegnati oggi alla referente dell’Associazione Donatori di Midollo Osseo (ADMO) per la Provincia di Treviso, Roberta Bozzetto, i 7.100 euro frutto delle offerte libere per le circa 1.700 copie del calendario solidale 2021 realizzato dagli operatori dei pronto soccorso di Conegliano e Vittorio Veneto e distribuito grazie alla collaborazione di alcuni negozi di Conegliano e al passaparola. Alla cerimonia erano presenti, oltre ai rappresentanti ADMO, il direttore generale Ulss 2, Francesco Benazzi, Patrizia Loberto dell’associazione “Conegliano In Cima” e ovviamente medici, infermieri e operatori socio sanitari dei pronto soccorso, promotori dell’iniziativa.

L'idea del calendario “Un anno in salute” è venuta ad Amalia De Lazzari, infermiera del pronto soccorso di Conegliano, che con il sostegno e la collaborazione di colleghi ha voluto far sentire la vicinanza degli operatori sanitari alla popolazione, mettendo a disposizione professionalità e competenza per offrire consigli utili ad affrontare problemi di salute di frequente riscontro. Il calendario, oltre a fornire spunti di educazione sanitaria ogni mese, aveva come finalità anche quella di raccogliere fondi a favore dell’ADMO, gruppo di Mareno di Piave. Non da ultimo, questa iniziativa è stata utile nel consolidare il gruppo di lavoro dei pronto soccorso di Conegliano e Vittorio Veneto.

Il calendario è stato autoprodotto con l’impaginazione a cura di Alessandro Titton e il sostegno di “Vip tende” per la stampa, sponsor dell’iniziativa; in ogni pagina, oltre ai contenuti di carattere sanitario, vi è una foto di alcuni incantevoli luoghi del territorio immortalati da Marta Tosato, infermiera del pronto soccorso di Conegliano. “Agli operatori dei pronto soccorso va il mio plauso – afferma il direttore generale Ulss 2 – perché nonostante le difficoltà di questi ultimi periodi hanno saputo trovare il tempo e le energie per avvicinarsi ai pazienti con una modalità innovativa riuscendo, inoltre, a sostenere un’associazione del territorio. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito a questa lodevole iniziativa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Ulss 2 consegna ad Admo i proventi del calendario “Un anno in salute”

TrevisoToday è in caricamento