menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arresti cardiaci: Asco Holding per la vita dona 92 defibrillatori ai Comuni

92 defibrillatori per 92 comuni che li metteranno a disposizione delle società sportive. In Veneto ogni anno duemila casi di arresto cardiaco

PIEVE DI SOLIGO 92 defribillatori per 92 comuni delle province di Treviso, Belluno, Venezia e Pordenone e a disposizione delle società sportive. Si tratta di territori soci di Asco Holding, società controllante il gruppo Ascopiave, che hanno ricevuto la strumentazione donata nell’ambito dell’iniziativa Asco Holding per la vita che ha riunito lunedì mattina a Pieve di Soligo il Governatore Luca Zaia, i primi cittadini, la Presidente di Asco Holding Silvia Rizzotto, il Responsabile del Suem 118 della Regione del Veneto Paolo Rosi, il delegato del Coni provinciale di Treviso Giovanni Ottoni.

Zaia, ricordando l’impegno della Regione in questo settore, con 300 defibrillatori già acquistati e distribuiti e altri 200 in corso di acquisto, ha definito quella di Asco Holding “una bella iniziativa, che testimonia l’importante impegno sociale di questa Società e che sostiene concretamente, anche con un numero significativo di apparecchi, la lotta contro le morti improvvise in ambiente extraospedaliero”. “In un momento come questo, con i tagli ancora una volta lineari e dissennati che il Governo sta imponendo anche alle Regioni virtuose, che per il Veneto vorranno dire 240 milioni in meno per la sanità nel 2015 – ha detto Zaia – c’è davvero bisogno di tutti per continuare a garantire ai cittadini veneti l’assistenza sanitaria d’eccellenza che hanno e che meritano. Grazie dunque per questi 92 salvavita in più che garantiscono nuova sicurezza”.

Parlando di fronte ad una platea di Sindaci, Zaia ha richiamato la necessità di “fare squadra tutti, aldilà della casacca politica indossata, per difendere i diritti di cittadini che ogni anno lasciano a Roma 21 miliardi di residuo fiscale attivo e rischiano di vedersi tagliata la sanità che funziona e che la Regione eroga senza un euro di addizionale Irpef (unica in Italia), senza ticket aggiuntivi oltre a quelli imposti a livello nazionale, cercando giorno per giorno di utilizzare al meglio ogni euro investito”. “So che voi mi capite – ha aggiunto il Governatore rivolto ai Sindaci – perché anche voi state vivendo lo stesso incubo nei vostri Comuni soffocati dal patto di stabilità e per questo chiedo a ognuno di voi di fare squadra, e di farvi sentire forte e chiaro a ogni livello, per evitare nuove ingiustizie alla nostra gente”.


Come ha spiegato Paolo Rosi, Responsabile del Suem 118 regionale, il defibrillatore è una macchina che funziona pressochè in autonomia, che può essere usata da chiunque con un minimo di formazione e che, in caso di arresto cardiaco, è fondamentale per coprire con un intervento immediato i minuti necessari ai soccorritori per giungere sul posto. In Veneto si verificano circa 2000 arresti cardiaci l’anno in ambiente extraospedaliero con un tasso di mortalità che, pur essendo il più basso d’Italia, raggiunge l’80%. Grazie a questa operazione, in 92 Comuni c’è una nuova risposta concreta ad una grave emergenza sanitaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento