menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza

Indagine portata avanti dalla Guardia di Finanza

Maxi truffa dell'energia green, sequestri delle fiamme gialle per 11 milioni

Le indagini sono partite da una verifica fiscale nei confronti della E.S.Co. (Energy Saving Company) con sede a Olbia, operante, tra il 2016 ed il 2017, nel mercato dei titoli di efficienza energetica

Una truffa ai danni dello Stato per  oltre 9 milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di  Sassari, che ha individuato 26 presunti responsabili per reati che vanno dalla truffa aggravata alla ricettazione, al riciclaggio di proventi illeciti. Le indagini sono partite da una verifica fiscale nei confronti della E.S.Co. (Energy Saving Company) con sede a Olbia, operante, tra il 2016 ed il 2017, nel mercato dei titoli di efficienza energetica amministrato dal Gestore dei Mercati Energetici S.p.a., società controllata indirettamente dal Ministero dell'Economia e delle Finanze. Nel corso delle attività ispettive che hanno coinvolto anche la provincia di Treviso, oltre alle violazioni in materia  di normativa tributaria riferibili al reato di dichiarazione  fraudolenta per un'evasione di oltre 2 milioni di euro, sono emersi  all'attenzione degli investigatori ulteriori illeciti penali. Le  Fiamme Gialle avrebbero accertato che l'impresa controllata, attraverso la presentazione di documentazione relativa a progetti di  risparmio energetico per lavori in realtà mai eseguiti, ha ottenuto  dal Gestore dei Servizi Energetici S.p.a il rilascio di c.d. TEE  (titoli di efficienza energetica rappresentativi dell'energia  risparmiata a seguito degli interventi fittiziamente eseguiti), che  venivano quindi rivenduti nello specifico mercato dell'energia ad  altre società ignare.

La contrattazione sul mercato dei titoli energetici di  questi certificati bianchi, secondo la Finanza avrebbe permesso alla  società olbiese di realizzare profitti milionari, successivamente  distribuiti ai vari soggetti responsabili della frode operanti tra la  Sardegna, il Veneto e la Calabria mediante operazioni di ricettazione  e riciclaggio consistenti nell'impiego degli indebiti guadagni in  attività finanziarie ed imprenditoriali nonché nel compimento di altre operazioni in modo da ostacolare l'identificazione della provenienza  delittuosa dei flussi finanziari anche attraverso l'ausilio di altre  persone compiacenti. La Procura della Repubblica di Tempio ha richiesto e ottenuto dal GIP  Marco Contu il sequestro per equivalente finalizzato alla confisca dei beni per oltre 11 milioni di euro nei confronti di 8 indagati, importo pari al ricavato della truffa e dei risparmi di imposta illecitamente  conseguiti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento