rotate-mobile
Cronaca

Infermiera ruba per mesi in ospedale per giocare al videopoker

E' stata pizzicata dalle telecamere installate appositamente per risalire al ladro che negli ultimi mesi aveva agitato gli animi dei dipendenti

Pizzicata a rubare dalle telecamere installate appositamente per identificare il ladro seriale che ha colpito i dipendenti dell’ospedale di Treviso. Da tempo giungevano denunce da parte dei lavoratori, in un caso anche della madre di una paziente che veniva curata a domicilio, per la sparizione di piccole somme di denaro dalle borse, talvolta occhiali da sole firmati, tanto da far arrivare gli agenti della squadra mobile a installare i dispositivi in punti strategici del Ca’ Foncello. Ed ecco che, dopo qualche giorno, la ladra ha colpito ancora, credendo di agire indisturbata, trafugando del denaro dalle borse di due dipendenti all’interno di una stanza di servizio del centro di fibrosi cistica, in reparto pediatria.

RIPRENDE IL FURTO COL CELLULARE E CHIAMA LA POLIZIA

Si tratta di una 45enne, M.D., infermiera nella stessa struttura, che avrebbe messo a segno almeno una decina di colpi, anche se molti, avvenuti negli ultimi due anni, non sono stati denunciati, perciò potrebbe averne commesso un numero spropositato. All’arrivo dei poliziotti, l’infermiera si sarebbe giustificata dichiarando che le somme di denaro le servissero per poter mantenere il vizio del gioco. Non c’era nessun sospetto su di lei, questo le permetteva di prendere di mira armadietti, stanze di servizio per il personale e ambulatori. La donna è stata denunciata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infermiera ruba per mesi in ospedale per giocare al videopoker

TrevisoToday è in caricamento