Mercoledì, 12 Maggio 2021
Cronaca

Inps chiede 100 milioni a benzinaio castellano ma è un errore

Un benzinaio di Castelfranco Veneto si è visto chiedere dall'Inps un milioni di euro di contributi non versati. Scoperto l'errore l'Istituto si è scusato, ma l'uomo lamenta danni economici

Notti insonni e danni economici per un banale errore. Protagonisti della vicenda un benzinaio di Castelfranco Veneto, Antonio Marsico, e l'Inps.

Marsico, che gestisce un distributore con autolavaggio e versa mediamente 1.200 - 1.400 euro al mese di contributi, si è visto chiedere dall'Inps la bellezza di 99 milioni 999mila e 999 euro. Una cifra da capogiro.

Ripresosi dallo choc, Marsico si è rivolto agli uffici dell'istituto previdenziale che, dopo qualche accertamento, hanno ammesso di aver commesso un errore. Tante scuse e arrivederci, ma la cosa non è finita qui.

Infatti, oltre allo spavento, a causa della presunta irregolarità contributiva il benzinaio si è visto anche negare il Durc, il Documento unico di regolarità contributiva. Fattore, spiega il Corriere del Veneto di oggi, che ha fatto perdere a Marsico tempo e denaro. Da tre mesi il benzinaio non riceve un euro dal Comune di Castelfranco, che gli ha appaltato il lavaggio delle auto, proprio per la mancanza di quell'attestazione di regolarità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inps chiede 100 milioni a benzinaio castellano ma è un errore

TrevisoToday è in caricamento