menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lavori in arrivo per la passerella di via Motta: al via da gennaio la gara d'appalto

La Giunta comunale ha approvato il progetto esecutivo del ripristino del collegamento tra Campocroce e il quartiere Ovest. I lavori partiranno nei primi mesi del prossimo anno

MOGLIANO VENETO Nel corso dei primi mesi del prossimo anno sarà indetta la gara per l’appalto e saranno avviati i lavori per la realizzazione della nuova passerella ciclopedonale in legno di via Motta a Campocroce, in sostituzione dell’attuale sulla quale è stato interdetto il passaggio a causa dello stato di degrado in cui versa e la pericolosità di un suo eventuale utilizzo da parte della cittadinanza.

La Giunta comunale ha, infatti, approvato nell’ultima seduta di giovedì scorso il progetto definitivo-esecutivo redatto dall’Ingegner Federico Capo. La spesa complessiva ammonterà per il Comune a 90 mila euro e sarà coperta con l’applicazione dell’avanzo di amministrazione, come stabilito lo scorso giugno. “La passerella è molto importante, non solo per chi vuole passeggiare in un’area di grande valore ambientale, ma perché unisce di fatto la frazione di Campocroce e la via Selve nel Quartiere ovest, importante per unire la periferia con il centro cittadino in cui si trovano scuole, servizi e negozi”, ha commentato il Sindaco Carola Arena.Il progetto era stato presentato dal Sindaco all’Associazione di Quartiere lo scorso settembre durante una seduta pubblica, alla presenza anche dei cittadini residenti di via Motta e via Selve.

“Chiarito l’uso pubblico delle vie di accesso al ponte, presupposto per la possibilità del Comune di intervenire, ora possiamo senza problemi procedere e intendiamo farlo rapidamente perché riteniamo il ripristino di tale viabilità urgente per garantire un adeguato collegamento, anche sotto il profilo della sicurezza stradale, con le zone più decentrate del territorio comunale”, ha dichiarato l’Assessore ai Lavori Pubblici, Filippo Catuzzato. Il progetto ha ottenuto anche il parere favorevole del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive e della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le Provincie di Venezia, Belluno, Padova e Treviso che ha rilasciato l’autorizzazione paesaggistica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

A Pederobba è il giorno del taglio del nastro per il nuovo IperTosano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento