Finti mediatori di opere d'arte spillano 140mila euro ad un trevigiano

Indagine dei carabinieri di Mogliano Veneto che hanno denunciato per truffa un 48enne di Cava de' Tirreni e una 43enne napoletana. Vittima un 60enne che voleva vendere alcune opere d'arte

La caserma dei carabinieri di Mogliano Veneto

Si erano presentati come dei mediatori, specializzati nella compravendita di opere d'arte all'estero. Erano in realtà due truffatori matricolati, capaci di spillare ad un artista moglianese di 60 anni, Z.L., una cifra di oltre 140mila euro, in diverse tranche, dall'ottobre 2018 al marzo 2020. Si trattava del denaro che sarebbe dovuto servire come rimborso spese inerenti le varie trattative. Una volta ottenuti i soldi, con nessuna opera ovviamente mai venduta, i malviventi sono letteralmente spariti nel nulla, facendo perdere le proprie tracce. L'indagine dei carabinieri della stazione di Mogliano Veneto, durata per alcuni mesi ha portato a identificare gli autori del raggiro, entrambi denunciati per truffa: si tratta di P.M., 48enne di Cava de' Tirreni (Salerno), e A.E., 43enne di Sant'Antonio Abbate (Napoli). I due si erano presentati come rappresentanti legali della "Top Art International snc", un'azienda che però di fatto non esisteva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento