Tentano di rapinare una tabaccaia: si chiude in auto e mette in fuga i banditi

L'episodio è avvenuto martedì sera a Montebelluna, in via Monte Grappa. Vittima Valentina Bertolin, proprietaria del negozio "Il vizio". I banditi avevano forato un pneumatico per costringerla a fermarsi. Indagano i carabinieri

La tabaccheria di Valentina Bertolin

E' fortunatamente fallito un tentativo di rapina avvenuto nel tardo pomeriggio di martedì, poco dopo le 19.30, in via Monte Grappa a Montebelluna. A finire nel mirino Valentina Bertolin, imprenditrice 51enne, titolare della tabaccheria "Il vizio" di via Monte Grappa a Montebelluna.

Una volta uscita dal negozio la donna si è subito insospettita: una moto, con due persone a bordo, è transitata a pochi passi da lei e poi, a distanza di poche centinaia di metri il mezzo ha fatto dietrofront. L'imprenditrice, percependo il pericolo, ha attraversato di corsa la strada per raggiungere la sua auto, una Smart ForFour. La 51enne, senza perdere la calma, ha sistema la borsa in auto, si è seduta al posto di guida e ha chiuso le portiere dall'interno e accende il veicolo, con cui è partita.

Quando la paura sembrava essere svanita ecco l'imprevisto che ha confermato i suoi timori: sul cruscotto della vettura una spia ha segnalato infatti che uno degli pneumatici era insolitamente sgonfio. A squarciare la ruota del mezzo erano stati però, con ogni probabilità, proprio i malviventi (questo sarà scoperto ovviamente in seguito): l'automobilista, secondo il piano architettato dai banditi, avrebbe infatti dovuto fermarsi per constatare il danno e dunque scendere, lasciando la borsa incostudita. La tabaccaia ha invece continuato a percorrere per qualche decina di metri via Monte Grappa e raggiungere così le vicinanze dell'ospedale, il luogo di maggior transito di via Monte Grappa, proprio per trovare eventuale aiuto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quando il mezzo si è fermato, i due rapinatori sono entrati in azione: la moto è piombata alle spalle della Smart. Un uomo, con il casco in testa, si è avvicinato al lato della guidatrice, ha afferrato la maniglia e battuto i pugni sul vetro, ordinando alla 51enne di aprire la portiera. La donna ha cominciato ad urlare, ha chiesto aiuto ma non ha ceduto: proprio questa sua determinazione ha indotto il malvivente a dileguarsi, risalendo in sella alla moto del complice, dandosi insieme alla fuga. Valentina Bortolin, chiaramente molto scossa, ha subito allertato i carabinieri di Montebelluna che hanno diramato le ricerche, per ora infruttuose, e ora indagano sull'episodio. Importante potrebbe essere l'esito dell'analisi delle telecamere di videosorveglianza presenti nella zona: l'occhio elettronico potrebbe aver immortalato il blitz dei due banditi, il cui colpo è miseramente fallito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore improvviso, 40enne ricoverato in elisoccorso: è gravissimo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento