rotate-mobile
Cronaca Centro / Piazza Santa Maria Maggiore

Chiude la pasticceria Bernardi, giù le serrande dopo 90 anni

Lo storico negozio e laboratorio cessa l'attività tramandata per generazioni in famiglia. Domenica l'ultimo giorno di apertura e l'ultima occasione per i trevigiani di gustare le famose pastine

Si abbassano le serrande su un pezzo di storia di Treviso. Domenica sarà l'ultimo giorno di apertura della pasticceria Bernardi di piazza Santa Maria Maggiore.

Dopo oltre novant'anni di attività, tramandata di padre in figlio per tre generazioni, il laboratorio dolciario smetterà di sfornare ogni giorno leccornie note in tutta la città.

A iniziare l'attività nel 1925 fu Emilio Bernardi - spiega Pierangelo alla Tribuna di Treviso che ora gestisce la pasticceria con il fratello Emilio e la moglie - dopo aver lavorato da un altro storico pasticcere trevigiano, Nascimben. Il mestiere è passato da Emilio al figlio Luigi, che ha poi tramandato l'arte pasticcera ad Emilio e Pierangelo.

Dopo tre generazioni i figli hanno scelto di non proseguire l'attività e i due fratelli hanno deciso che è giunta l'ora di andare in pensione.

Increduli i clienti della pasticceria, che dopo la chiusura della Nascimben e di Casellato perdono un altro pezzo di storia della città, uno degli ultimi stendardi.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude la pasticceria Bernardi, giù le serrande dopo 90 anni

TrevisoToday è in caricamento