Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Profughi alla caserma Serena, consiglio comunale nell'edificio

I migranti trasferiti da Quinto hanno contribuito alla sistemazione della caserma dismessa. A Eraclea i residenti vogliono imitare Quinto

I sindaci di Treviso e Casier alla caserma Serena (Foto Facebook comune di Casier)

CASIER Una seduta del consiglio comunale all’interno della caserma Serena, luogo in cui sono stati trasferiti i 101 profughi allontanati dai due condomini di Quinto di Treviso in seguito a una rivolta dei residenti e a un’ordinanza di sgombero firmata dal sindaco Mauro Dal Zilio. Sabato, alla presenza di vari esponenti dell’opposizione, si è tenuta la riunione all’interno dell’edificio dismesso.

Tutti abbiamo bisogno di ritrovare parole di pare e tranquillità – ha detto il sindaco di Casier Miriam Giuriati -. Comprendo la preoccupazione della popolazione ma gli amministratori hanno la responsabilità di fare in modo che tutto si svolga nel modo più tranquillo”.

Ciò che è successo a Quinto, e che i residenti di Eraclea, dove sono ospitati oltre 250 profughi, intendono imitare, aizzati sabato sera anche dalla presenza del leader della Lega Matteo Salvini, ha però preoccupato i giovani migranti. “I ragazzi sono disorientati – ha detto Inrahim, mediatore culturale -. Non sanno spiegarsi gli insulti ricevuti a Treviso dopo l’accoglienza e gli abbracci al loro sbarco a Lampedusa”. Tutti i profughi, che provengono da vari paesi del centro dell’Africa, nelle ultime ore hanno contribuito alla sistemazione dell’ex caserma Serena, nella quale sono stati ripristinati sia acqua che luce e gas.

I sindaci hanno anche incontrato la cittadinanza venerdì mattina subito dopo la comunicazione ricevuta dal prefetto Maria Augusta Marrosu che annunciava lo spostamento dei migranti da Quinto alle Serena.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi alla caserma Serena, consiglio comunale nell'edificio

TrevisoToday è in caricamento