Cronaca

Profughi, hub regionale a Casier. Rubinato: "Meglio 1 per provincia"

La deputata del Pd sull'internzione del Prefetto Morcone: "Anche le associazioni che si occupano dell'accoglienza sono molto perplesse"

CASIER Un unico hub regionale per lo smistamento e l’identificazione dei migranti in Veneto non è la soluzione migliore. Lo sostiene Simonetta Rubinato, deputata del Pd, in merito all’intenzione annunciata dal prefetto Mario Morcone, capo del Dipartimento immigrazione del Viminale, di collocare il centro presso l’ex caserma Serena di Casier, dove nei giorni scorsi sono stati ospitati i migranti trasferiti da un condominio di Quinto di reviso.

“Anche le associazioni che si stanno occupando di accoglienza dei migranti a Treviso – spiega la parlamentare – mi hanno manifestato le loro perplessità in merito alla soluzione annunciata. Molto meglio sarebbe fare un piccolo hub per ogni provincia, da 50-70 posti ciascuno, perché sarebbe più gestibile e anche meno impattante per le comunità locali”. L’on. Rubinato ha condiviso questa preoccupazione con la segreteria di Domenico Manzione, sottosegretario del ministero dell’Interno e con l’on. Luca Lotti sottosegretario alla Presidenza del Consiglio.

“Speriamo ci sia ancora spazio per un ripensamento”, afferma la deputata trevigiana secondo la quale l’emergenza profughi va affrontata anche aumentando le Commissioni per la verifica dei requisiti dei richiedenti asilo. “Oggi i tempi impiegati sono ancora troppo lunghi” conclude. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Profughi, hub regionale a Casier. Rubinato: "Meglio 1 per provincia"

TrevisoToday è in caricamento