menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi, prefetto Treviso: "Non c'è posto". Zaia: "Gesto di buon senso"

Il presidente del Veneto commenta la presa di posizione del prefetto Marrosu, in merito ai 450 immigrati in arrivo nei prossimi giorni

TREVISO - "Il gesto del prefetto di Treviso è soprattutto un gesto di buon senso cui mi auguro facciano seguito analoghe prese di posizione degli altri prefetti". Con queste parole il presidente del Veneto, Luca Zaia, commenta la presa di posizione del prefetto di Treviso, Maria Augusta Marrosu, che ha fatto sapere al Governo come sul territorio trevigiano non ci sia più posto per i 450 nuovi profughi il cui arrivo è previsto nei prossimi giorni.

LA "QUESTIONE PROFUGHI". "E' ormai sotto gli occhi di tutti che la questione profughi sta sfuggendo di mano. Alla data del 3 dicembre erano presenti in Veneto 1.753 profughi, o presunti tali, sui 3.742 assegnati al Veneto da un piano che il sottoscritto si è sempre rifiutato di approvare - riprende Zaia - ma i trasferimenti complessivamente effettuati sul territorio veneto nel 2014 sono stati ben 6.087. Di questi ultimi soltanto 403 hanno chiesto il riconoscimento dello status di protezione internazionale, peraltro concesso solo al 16 per cento di loro. Significa che quasi 6mila persone sono venute sul nostro territorio e che si sono disperse indisturbate, senza che le autorità ne conoscessero né la meta né spesso l'identità. Così non si può andare avanti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Tragico schianto in moto, muore dopo due giorni di agonia

  • Attualità

    Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento