Calunniò i carabinieri che lo arrestarono: nuovo processo per il "re della truffe"

L'uomo, salito all'onoe delle cronache anche grazie alla trasmissione "Le Iene" che si è varie volte occupato di lui e delle sue "prodezze", è accusato dai sette carabinieri che lo arrestarono il 2 marzo del 2018 a Vedelago. Tra questi anche il maresciallo Francesco Bianco

Stefano Ramunni con l'inviato delle Iene, Giulio Golia

C'è un nuovo processo all'orizzonte del 55enne Stefano Ramunni, il "re delle truffe", già condannato a 5 anni nel 2018 e con un rinvio a giudizio pendente per truffe ai danni di alcuni negozi di Treviso e del tentativo di truffa ai danni del penalista trevigiano Francesco Murgia. L'uomo, salito all'onoe delle cronache anche grazie alla trasmissione "Le Iene" che si è varie volte occupato di lui e delle sue "prodezze" dovrà rispondere anche di calunnia nei confronti dei 7 carabinieri che lo arrestarono il 2 marzo del 2018 a Vedelago. Tra questi anche il comandante della stazione locale dell'Arma, il maresciallo Francesco Bianco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ramunni e il "compagno di merende" Giovanni Chiarmonte vennero intercettati mentre sfrecciavano a bordo di un auto munita di lampeggianti. Una volta bloccati avevano sostenuto di essere dei diplomatici dello Stato del Vaticano. Ovviamente i documenti erano falsi e  durante la perquisizione erano stati trovati anche tesserini contraffatti della Guardia di Finanza. «Quei carabinieri mi hanno preso 30mila ero in contanti che avevo in macchina»: fu l'accusa di Ramunni, inizialmente spalleggiato anche da Chiaramonte che successivamente, invece, decise di ritrattare. Inoltre, sempre secondo il truffatore,  i carabinieri si sarebbero impossessati anche di cose che non potevano essere sequestrate, tra cui oggetti  personali, e avrebbero abusato della loro autorità. Per la Procura si è invece trattato di una calunnia e stamattina il gip di Treviso ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio. Il maresciallo Stefano Bianco e gli altri sei carabinieri hanno deciso che non si costituiranno parte civile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Grandine e temporali, la Marca nella morsa del maltempo

  • Folle lite a Cornuda, il proprietario di casa aveva ucciso la madre da giovane

  • Nuovi contagi da Coronavirus nella Marca: in tre positivi al test sierologico

  • Positivo al virus in piscina: tutti negativi i tamponi fatti dall'Ulss 2

  • Travolta sulle strisce pedonali, anziana ricoverata in rianimazione

  • Legato e cosparso di benzina, folle lite in casa: indagano i carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento