rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca San Vendemiano

Morte del piccolo Manuel, Andrea Dan è in sit-in a Roma

L'uomo, 58enne di San Vendemmiano, tiene da lunedì un picchetto davanti al luogo dove il piccolo Manuel, 5 anni, ha perso la vita nel tragico schianto della Smart in cui era a bordo e la Lamborghini guidata da alcuni giovani youtuber. Nel 1998 perse la figlia in un incidente a Codognè del tutto simile a quello avvenuto a Casal Palocco. «Sono passati 25 anni - ha detto - e poco per non dire nulla  si è fatto per combattere le stragi stradali»

Andrea Dan, 58 anni di San Vendemmiano, il 6 febbraio del 1998 perse la figlia Manuela, di 6 anni a Codognè in un incidente del tutto simile a quello in cui è morto a Casal Palocco il piccolo Manuel, 5 anni: uno scontro frontale con una Bmw Coupè di grossa cilindrata che viaggiava a oltre 100 chilometri all'ora, guidata da una 20enne, costò la vita a Manuela e rischiò di portarsi via anche la moglie. Da lunedì scorso Dan, presidente dell'associazione "Manuela per la sicurezza stradale" si trova in sit-in sul luogo dove la Lamborghini Ursus con alla guida i ragazzi del canale Youtube "The Borderline" hanno travolto la Smart a bordo della quale si trovava il piccolo con la mamma e la sorellina di tre anni. Ha portato la sua testimonianza di solidarietà al padre di Manuel ma soprattutto non si muoverà di lì fino a quando il consiglio dei ministri non affronterà quelle che a suo dire sono «misure straordinarie e urgenti per modificare il  Codice della strada, dando finalmente spazio a norme utili a contrastare questi terribili episodi».

«Sono passati 25 anni e poco per non dire nulla  si è fatto per combattere le stragi stradali - dice - servono normative incisive, che vadano dal ritiro della patente per chi usa il cellulare o altri dispositivi elettronici come il computer mentre è alla guida al varo di pene più pesanti e certe nei confronti di chi si mette al volante sotto l’effetto di alcool e sostanze stupefacenti. Inoltre è necessario adottare misure di prevenzione come l’introduzione dell’obbligo per i centauri di dotarsi di appositi airbag anti-caduta da finanziarne l’acquisto con i fondi Europei messi a disposizione del Piano nazionale di ripresa e resilienza oltre  a garantire una presenza più capillare delle forze dell’ordine nei controlli su strada».

«Allestiremo - conclude - un gazebo in cui mi fermerò anche a dormire fino a quando non venga convocato un Consiglio dei ministri straordinario per esaminare queste proposte di senso comune. E' ora di dire "basta" alle stragi sulle nostre strade».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte del piccolo Manuel, Andrea Dan è in sit-in a Roma

TrevisoToday è in caricamento