menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto d'archivio

Foto d'archivio

Molestie e abusi sui bambini della scuola calcio: arrestato il presidente della squadra

Episodio gravissimo in una società sportiva dell'hinterland castellano. A finire ai domiciliari è stato un cinquantasettenne che ora dovrà rispondere della pesante accusa di pedofilia

CASTELFRANCO VENETO Il calcio castellano è scosso, in queste ore, da una notizia molto grave venuta alla luce in una delle scuole calcio dell'hinterland comunale.

Protagonista della vicenda, riportata sulle pagine de "Il Gazzettino di Treviso", sarebbe un insospettabile cinquantasettenne trevigiano, accusato di pedofilia da un baby calciatore di soli nove anni che, nelle scorse settimane, avrebbe raccontato ai genitori di come il noto dirigente si fosse più volte comportato in modo ambiguo e sospetto con i ragazzini presenti negli impianti sportivi. Abbracci prolungati, festeggiamenti inopportuni e attenzioni spesso eccessive per il mondo della scuola calcio. Comportamenti che, secondo i carabinieri di Castelfranco che hanno indagato sulla vicenda, sarebbero iniziati già nel 2016 senza che nessuno dei genitori si fosse mai accorto di nulla. Le indagini degli uomini delle forze dell'ordine sono state rapidissime. Dopo aver appurato le testimonianze dei ragazzi della scuola calcio, i carabinieri hanno deciso, in collaborazione con la Procura di Treviso, di mettere agli arresti domiciliari il presidente che ora dovrà difendersi dalle gravissime accuse mosse dai suoi giovani calciatori.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento