rotate-mobile
Cronaca

Sicurezza a Treviso: più agenti in strada, in un anno la città cresce di 26 posizioni

Positivo il bilancio 2016 dell'attività della Polizia Locale: cambio dei vertici e promozione della sicurezza partecipata, venerdì alle 10 al Duomo la Messa per San Sebastiano

TREVISO Più agenti per le strade, in centro e nei quartieri, cambio dei vertici, nuovo impulso alla sicurezza partecipata.  Sono questi alcuni degli elementi che hanno caratterizzato nel corso di quest’anno l’attività della polizia locale di Treviso. Gli operatori che in precedenza svolgevano il loro lavoro soprattutto in ufficio sono stati impiegati sempre più spesso in servizi esterni e dal mese di novembre sono state effettuate oltre 101 pattuglie in più di servizio appiedato per un totale di 516 ore.

Tra le zone maggiormente monitorate Piazza dei Signori, Via e Piazza Indipendenza , Calmaggiore, Piazza San Vito, Piazza Duomo, Corso del Popolo i  Giardini S. Andrea , Riviera S. Margherita, Piazza giustinian Recanati, Via Roma, Stazione FF.SS. Giardini Porta Altinia, Via Lungosile Mattei e zone limitrofe. All’interno di queste aree gli agenti hanno incontrato i cittadini , informato, ma soprattutto sono intervenuti per sanare qualsiasi problematica che si sia presentata, facendo un’azione di prevenzione concreta ed efficace.

Un’altra importante attività messa in atto dal Comando rientra nella prevenzione alla ludopatia ovvero al rispetto delle disposizioni impartite dall’ordinanza sindacale prot. 11473/04. Nell’attività sono stati impegnati 2 operatori  appositamente istruiti per un totale di 70 ore si servizio. Inoltre nel 2016 il personale della Polizia Locale è stato impegnato per servizi di viabilità in 180 manifestazioni pubbliche promosse o patrocinate dall’Amministrazione. La rivitalizzazione cittadina passa anche attraverso l’azione della PL.

Indagine ICityRate 2016 : Smart City, la città di Treviso passa in un anno dalla 33esima alla 22esima posizione. A rivelarlo è ICityRate 2016, l’indagine realizzata da FPA che stila la classifica delle città italiane analizzando 106 Comuni capoluogo sulla base di 105 indicatori statistici (in aumento netto rispetto agli 84 dello scorso anno) e sette dimensioni tematiche: Economy, Living, Environment, People, Mobility, Governance e Legality.

Ed è proprio il criterio della legalità a spingere verso l’alto il capoluogo trevigiano facendogli conquistare la 24esima posizione. La dimensione legality, nel rating 2015, aveva introdotto un ricco insieme di nuovi indicatori secondo tre livelli di analisi: il contesto generale della città (microcriminalità in città, appalti e lavoro nero); presenza di organizzazione criminali; il lavoro della giustizia e il tema dell’illegalità ambientale. Nel 2016 si aggiungono, oltre all’indice di omicidi volontari, tre nuovi indicatori, relativi ai reati di riciclaggio, alla criminalità organizzata e mafiosa e all’illegalità commerciale. Fattori che hanno determinato un innalzamento virtuoso della città nelle posizioni della classifica.

Controllo del Vicinato : Nuovo impulso è stato dato al progetto denominato “Controllo del Vicinato” .Al progetto di sicurezza partecipata hanno preso parte non solo i cittadini residenti ma,  primi in Italia, anche i commercianti. Nel territorio Comunale al momento sono attivi 7 gruppi di C.d.V. di cui tre costituiti da commercianti; 3 sono attivi in Centro Storico, mentre altri 3 gruppi sono localizzati in quartiere S. Antonino ed 1 in quartiere S. Maria del Rovere.

Gli appartenenti ai gruppi, tramite anche i coordinatori nominati  segnalano alla Centrale Operativa episodi e o persone “sospette”, nella maggior parte dei casi dedite allo spaccio. Tuttavia sono state segnalate condizioni di degrado legate al consumo di alcool ed alle conseguenti criticità sfociate in alcuni casi in rissa. Le segnalazioni registrate dal Comando in nell’anno 2016 sono oltre un centinaio.

Educazione stradale, attività presso la centrale operativa, attività di PG, pattuglioni notturni: L’attività di Educazione Stradale rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie ha coinvolto ca. 900 allievi. Rimangono sempre numerose le richieste interventi, informazioni, etc. pervenute alla Centrale Operativa che ha gestito circa 13.000 interventi. Gli incidenti rilevati sono risultati in lievi diminuzione e quantificati in 572, di cui 1 è quello che ha avuto conseguenze mortali. L’attività di Polizia Giudiziaria, che anche nel 2016 ha visto l’impiego dell’ Unità Cinofila, ha portato a redigere 354 notizie di reato. Particolare rilevanza ha avuto l’attività preventiva sul territorio in ausilio e collaborazione con gli operatori del nucleo Pronto Intervento e Nuclei di Prossimità, in relazione al contrasto del consumo e spaccio sostanze stupefacenti (111 sono i soggetti segnalati ai sensi art 75 DPR 309/90 - Testo unico sugli stupefacenti).

Sul fronte dell’attività di individuazione e repressione del fenomeno della circolazione di documenti falsi (molto spesso assicurazioni e documenti contraffatti sono all’origine delle omissioni di soccorso), il numero dei falsi accertati sulla base di indagini del Laboratorio Analisi Documentale del Comando sono stati 61. Anche in questo caso si evidenzia che l’alta professionalità dimostrata e i risultati raggiunti nel corso di questi anni, ha indotto molteplici organi di Polizia a richiedere ausilio al L.A.D.  della Polizia Locale di Treviso. In materia di prevenzione, controllo ed applicazione del Codice della Strada sono state elevate 93100 sanzioni , con una preponderanza per quelle per violazioni all’art. 157 e 158 C.d.S.

Il progetto notturno 2016 denominato “Smart City & S.U.N., ha visto l’incremento sull’intero territorio comunale in orari notturni dell’attività di prevenzione e di controllo, sia in merito ad infrazioni al  C.d.S. che nell’attività di prevenzione ai reati predatori. L’attività notturna ha portato al controllo di 2185 veicoli e  conducenti, ma soprattutto alle verifiche su  155 Pubblici Esercizi. Un cenno particolare va al lavoro del Nucleo Tutela del Territorio che ha svolto n. 90 controlli in materia edilizia e 42  in materia ambientale. Si ricorda che i controlli su ordinanze e regolamenti Comunali  sono stati n. 611 ma tutta l’attività di Polizia Amministrativa ha raggiunto un numero superiore a 9000 fra  interventi/pratiche alle quali vanno aggiunte le 5500 pratiche anagrafiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sicurezza a Treviso: più agenti in strada, in un anno la città cresce di 26 posizioni

TrevisoToday è in caricamento