Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Colpo all'Old Wild West di Silea, condannato anche il quinto rapinatore

Sentenza in abbreviato per Lorenzo Cattarin, trevigiano di 31 anni, che aveva avuto la posizione stralciata dalle altre cinque. Il fatto risale al 9 dicembre del 2017

Lorenzo Cattarin è stato condannato per la rapina all'Old Wild West di Silea

Si è chiuso con la condanna in abbreviato dell'ultimo dei malviventi il capitolo giudiziario della vicenda a carico dei sei componenti della banda che tra il settembre del 2017 e il marzo del 2018 ha messo a segno otto rapine tra Silea, Susegana, Frescada e Treviso.

Il gup Piera De Stefani ha infetto emesso la sentenza nei confronti di Lorenzo Cattarin, trevigiano di 31 anni. Era accusato di essere rimasto fuori con la macchina pronta durante la rapina a mano armata all'Old Wild West di Silea avvenuta il 9 dicembre del 2017, che aveva fruttato un bottino di quasi 5 mila euro. La posizione di Cattarin era stata stralciata dalle altre 5 in considerazione del fatto che il giovane aveva chiesto di essere interrogato e che nei suoi confronti vi era anche un'accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Delle rapine erano stati accusati e processati il senegalese 42enne Mahafouz Fall (6 anni, 8 mesi e 20 giorni la sentenza del giugno dell'anno scorso), il suo connazionale 46enne Aliou Diop (6 anni e 4 mesi) e l'albanese E.L. (3 anni e 8 mesi) 24enne residente a Silea. Assolto con formula dubitativa il 24enne di Carbonera Nicola Malvasio. Il sesto componente della banda, il 22enne kossovaro Blendion Gallapeni, ha invece scelto di non chiedere il rito alternativo ed è attualmente a processo per rapina aggravata. I sei sono i protagonisti delle rapine alla farmacia Internazionale di Silea, agli uffici postali di Roncade e Frescada, alla sala Slot Mirage di Susegana, alla sala giochi Admiral di Treviso, al pub Old Wild West di Silea e infine alla Sala Bingo e il supermercato Conad di via Terraglio a Treviso, tutti messi segno a segno nell'arco di sette mesi.

In un prima fase l’attenzione degli investigatori si era concentrata su Malvasio, l’albanese E.L. e il senegalese Fall, questi due arrestati il 6 marzo 2018 subito dopo la rapina ai danni della Farmacia Internazionale a Silea al termine di un lungo inseguimento da parte di una volante della Polizia. E' quella la svolta delle indagine, che permettono di rivelare che gli otto colpi avevano tutti la stessa firma. Uno dopo l'altro vengono individuati i componenti della banda, che erano entrati sempre in azione con una pistola giocattolo e un coltello.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo all'Old Wild West di Silea, condannato anche il quinto rapinatore

TrevisoToday è in caricamento