Faceva la "cresta" sul gasolio che trasportava, trasportatore nei guai

Indagine-lampo dei carabinieri del nucleo radiomobile di Treviso. Denunciato per furto un 44enne trevigiano e per ricettazione un pescatore 50enne di Favaro Veneto, pizzicato durante un controllo mentre viaggiava lungo la Treviso-mare con 500 litri di carburante, appena acquistato, a bordo di un furgone

Il furgone fermato sulla Treviso-mare

Faceva la "cresta" sul carburante che consegnava e lo rivendeva al prezzo di 90 centesimi al litro. A scoprire il compotamento scorretto e illegale di un autotrasportatore trevigiano di 44 anni, P.L., dipendente di un'azienda di trasporti, sono stati i carabinieri del nucleo radiomobile di Treviso che lo hanno denunciato per furto e scovato, all'interno della sua abitazione, alla periferia della città, una cisterna con 300 litri di gasolio che è stata posta sotto sequestro. Ora, oltre ai guai con la giustizia, rischia il posto di lavoro.

L'indagine che ha portato i militari, coordinati dal comandante Andrea Caminiti, a scoprire questo dipendente "infedele" è cominciata qualche giorno fa quando una pattuglia ha intercettato, lungo la strada Treviso-mare, il furgone Fiat Scudo di un pescatore 50enne di Favaro Veneto, B.M.. A bordo del veicolo, perquisito dai carabinieri, sono state trovate varie taniche piene di gasolio con un quantitativo complessivo di circa 500 litri. Messo alle strette, il pescatore (senza nessuna bolla o documento che provasse un acquisto regolare) ha riferito di aver acquistato il gasolio dal 44enne, al costo di 450 euro. Per questo motivo il 50enne è stato a sua volta denunciato per il reato di ricettazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine dei militari ha permesso di accertare con l'autotrasportatore si appropriava, al termine di ogni trasporto, di piccoli quantitativi di gasolio che venivano appunto immagazzinati e poi smerciati a clienti compiacenti. L'indagine per chiarire il giro d'affari, molto redditizio, del 44enne proseguirà anche nei prossimi giorni. All'uomo, oltre alle taniche, sono stati sequestrati tutti gli strumenti per scaricare dalla cisterna della sua autobotte il gasolio da rivendere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: allarme arancione in Veneto, Zaia temporeggia sull'ordinanza

  • Torna l'ora solare, quando vanno spostate le lancette

  • Nuovo Dpcm, Conte ha firmato: ecco che cosa cambia da lunedì

  • Pranzo tra amici si trasforma in un focolaio Covid: trovati quindici positivi

  • Covid, Zaia: «In arrivo nuova ordinanza per limitare gli assembramenti»

  • Focolaio Covid a La Madonnina di Treviso: trovate 9 persone positive

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento