menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ordinano 32 condizionatori, pagano l'acconto e poi scompaiono: denunciati due 50enni

Nei guai due romani che hanno truffato un'azienda di Farra di Soligo. Durante le indagini sono stati ritrovati 12 apparecchi in un deposito di Latina, ma ne mancano ancora 20

I carabinieri della Stazione di Col San Martino, al termine di indagini, hanno denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per il reato di truffa due soggetti: l'incensurato 50enne S.B. e il pregiudicato 54enne M.A., entrambi italiani e residenti in provincia di Roma. Nello scorso mese di luglio i due uomini, dopo aver preso contatti con una nota azienda di Farra di Soligo che commercializza impianti di climatizzazione (la Stelbi Spa della famiglia Stella, al centro delle cronache locali per una spiacevole vicenda di cronaca nera nello scorso giugno), hanno perfezionato un ordine di 32 impianti di condizionamento d’aria, per un importo complessivo di circa 13.400 euro, utilizzando però nomi di fantasia, sede di una ditta inesistente e numeri di telefonia mobile intestati a cittadini extracomunitari.

Per non destare sospetti, i due soggetti hanno poi versato regolarmente un acconto di 3.400 euro, incassato senza problemi dalla parte cedente, ma una volta ricevuta la consegna dei 32 condizionatori il duo ha fatto di finta di versare i rimanenti 10 mila euro mediante un titolo di pagamento che poi è risultato irricevibile. A questo punto i due si sono persino resi irreperibili ed il titolare dell’azienda si è rivolto ai carabinieri sporgendo denuncia. Le successive attività di indagine hanno quindi permesso di risalire alla vera identità dei due truffatori, oltre a consentire il recupero di 12 dei 32 condizionatori consegnati e rinvenuti in un deposito in provincia di Latina, mentre sono ancora in corso le ricerche degli altri 20 impianti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento