Politica

Allarme smog nel Veneto, situazione in continuo peggioramento

L'assessore all'ambiente Bottacin, "In tutte le province si stanno superando da giorni i limiti previsti dalla legge per gli inquinanti e in molti casi, sono stati raggiunti picchi elevatissimi di PM 10 che mettono a rischio la salute dei cittadini"

TREVISO “Il Veneto sta vivendo una vera e propria emergenza a causa dell’inquinamento dell’aria. In tutte le province infatti si stanno superando da giorni i limiti previsti dalla legge per gli inquinanti e, in molti casi, sono stati raggiunti picchi elevatissimi di PM 10 che mettono a rischio la salute dei cittadini". E’ l'allarme lanciato dall'assessore regionale all’ambiente Gianpaolo Bottacin, in relazione alla situazione che è destinata a peggiorare a causa della stabilità atmosferica, prevista nei prossimi giorni e, dati i cambiamenti climatici in atto, è ragionevole pensare che si ripresenterà più volte nel corso dell’anno.

"La nostra Regione - spiega Bottacin - ce la sta mettendo tutta: è in approvazione in consiglio il piano di risanamento e tutela dell’atmosfera che prevede specifiche azioni per la lotta all’inquinamento basate su evidenze scientifiche e non su interventi spot. Parlo di riconversione del patrimonio edilizio in funzione del risparmio energetico, di un piano che privilegi le fonti rinnovabili e le produzioni a energia pulita, di incentivi ai cittadini per la sostituzione di impianti di riscaldamento obsoleti e della promozione di una mobilità sostenibile".

"Per sostenere tali azioni - prosegue Bottacin - ho chiesto al Ministro Galletti di contribuire almeno con mezzo milione di euro. I 12 milioni per tutto il territorio nazionale, promessi al Tavolo governativo del 30 dicembre scorso per incentivare il trasporto pubblico locale, non sono infatti adeguati e spostano solo l’attenzione su misure che non affrontano i veri nodi strutturali, a partire dal riscaldamento civile".

"Gli interventi strutturali - conclude Bottacin - che sono quelli che veramente contano ed erano già previsti nell'accordo di programma per l'adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell'aria nel bacino padano, purtroppo non sono ancora stati adempiuti dal Governo. Lo ribadirò al ministero a Roma nell'incontro, fissato anche grazie alle mie sollecitazioni, per martedì prossimo".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme smog nel Veneto, situazione in continuo peggioramento

TrevisoToday è in caricamento