menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zanoni (PD): «Caporalato tra i vigneti, la Regione si costituisca parte civile»

Il consigliere regionale: «In merito a quanto scoperto a Roncade dico che è necessario rafforzare i controlli e inasprire le sanzioni»

«La Regione dia un segnale forte contro lo sfruttamento sul lavoro: si costituisca parte civile nel processo per il caso di caporalato tra i vigneti scoperto a Roncade». A chiederlo è Andrea Zanoni, consigliere del Partito Democratico all’indomani dell’apertura del processo, rinviato al prossimo maggio, nei confronti di quattro persone, due cittadini pakistani e le loro fidanzate una donna trevigiana l’altra spagnola, con l’accusa, a vario titolo, di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro in concorso, incendio aggravato e tentata violenza privata. «Lo sfruttamento della manodopera nelle campagne, soprattutto migranti più facilmente ricattabili specie se privi di permesso di soggiorno, è drammatica e i casi di caporalato riguardano ormai anche il nostro Veneto».

«A Roncade - continua l’esponente trevigiano del PD - una decina di pakistani tra cui alcuni minorenni erano costretti a lavorare nelle vigne sette giorni su sette, senza alcun rispetto delle norme sulla sicurezza e con paghe bassissime da cui detrarre una quota per ‘l’affitto’, ovvero sistemazioni di fortuna senza riscaldamento né energia elettrica. È necessario rafforzare i controlli e inasprire le sanzioni, ma anche far sentire a queste persone sfruttate la vicinanza delle istituzioni, in modo che chi si trova in situazioni analoghe possa trovare il coraggio di denunciare. Mi auguro perciò che la Regione decida di costituirsi parte civile, darebbe un messaggio importantissimo e che, aspetto affatto secondario, tolga ogni finanziamento pubblico alle aziende agricole coinvolte».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento