rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Attualità Centro

Pm10 e smog, a Treviso torna il livello di allerta "rosso"

Da sabato 22 gennaio bus gratuiti per i cittadini Over 60: stop ai veicoli a benzina Euro 0,1,2, diesel Euro 0,1,2,3,4,5 e diesel commerciali Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5 (dalle ore 8.30 alle 12.30)

Sabato 22 gennaio a Treviso scatterà la zona di allerta 2 (rosso), prevista dalle misure antismog (in vigore fino al 30 aprile) nel momento in cui il livello delle polveri pm10 registra una concentrazione superiore a 50 μg/m3 per 10 giorni consecutivi.

Circolazione vietata, dalle 8.30 alle 18.30, dal lunedì alla domenica, inclusi i giorni festivi infrasettimanali, a ciclomotori e motoveicoli Euro 0 ed Euro1, ai veicoli a benzina Euro 0, Euro 1 ed Euro 2, alle autovetture a gasolio Euro 0, Euro 1, Euro 2, Euro 3, Euro 4 ed Euro 5 e ai veicoli commerciali a gasolio Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5 (per questi ultimi limitatamente alla fascia oraria 8.30-12.30). Al fine di facilitare gli spostamenti ai residenti di età pari o superiore a 60 anni, è prevista la possibilità di spostarsi gratuitamente sui mezzi di trasporto pubblico gestiti da Mobilità di Marca solo mostrando la carta d’identità.

Le deroghe

Non saranno sottoposti ad alcun divieto i veicoli elettrici o ibridi, i veicoli a benzina con impianti a gpl o gas metano, purché utilizzino questi ultimi due tipi di alimentazione, i veicoli dotati di impianti omologati, alimentati a gasolio - gpl o a gasolio – gas metano, gli autobus adibiti al servizio pubblico di linea, i bus turistici, gli scuolabus, taxi e autovetture in servizio di noleggio con conducente, i veicoli di trasporto dei pasti per le mense, i veicoli a servizio dei portatori di handicap muniti di contrassegno, veicoli adibiti al trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili, i veicoli di soccorso (compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari in visita domiciliare urgente), i veicoli per il trasporto di farmaci, vetture con targa estera purché i conducenti siano residenti all’estero, i veicoli di servizio e nell’ambito dei compiti d’istituto delle Pubbliche Amministrazioni e delle forze dell'ordine, veicoli che devono recarsi alla revisione obbligatoria, veicoli degli ospiti degli alberghi e delle strutture ricettive, veicoli che trasportano almeno tre persone a bordo se omologati a quattro o più posti o con almeno due persone a bordo se omologati a due posti (car pooling), autoveicoli di interesse storico e collezionistico in occasione delle relative manifestazioni, i veicoli dei commercianti ambulanti che operano negli spazi inseriti nel piano del Commercio, i veicoli degli operatori del commercio all’ingrosso, i veicoli degli istituti di vigilanza. Potranno circolare inoltre i veicoli dei commercianti ambulanti che operano negli spazi inseriti nel Piano del commercio su area pubblica del Comune di Treviso; i veicoli degli operatori del commercio all’ingrosso dei prodotti deperibili; i veicoli appartenenti alla categoria N (di cui all’art. 47 comma 2 lettera c del Codice della Strada) classificati come speciali o ad uso specifico; veicoli di categoria N, omologati ai sensi delle direttive rispondenti alla dicitura Euro 4, nella fascia oraria dalle 8.30 alle 12.30 per operazioni di carico e scarico da effettuarsi all’interno del territorio comunale. A tal fine il conducente dovrà essere munito di idonea documentazione o autocertificazione atta a comprovare il diritto a circolare. Saranno esentate le persone che non possono recarsi al lavoro con mezzi pubblici a causa dell’orario di inizio o di fine turno o del luogo di lavoro, limitatamente al percorso più breve casa lavoro (con dichiarazione del datore di lavoro) e i veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kW di proprietà di conducenti che abbiano compiuto il 70° anno di età.

L'autocertificazione

Potranno circolare in deroga con apposito titolo autorizzatorio – tramite autocertificazione scaricabile dall’apposita sezione del sito del comune di Treviso che deve contenere gli estremi del veicolo, le indicazioni dell’orario, del luogo di partenza e di destinazione – i veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per visite mediche, cure e analisi programmate; i veicoli per prestazione assistenza a ricoverati presso luoghi di cura o servizi residenziali, per autosufficienti e non, o a persone nel relativo domicilio, limitatamente all'assolvimento delle funzioni di assistenza tra cui, nel caso di isolamento domiciliare fiduciario legato al Coronavirus (COVID-19), l’acquisto di beni di prima necessità; i veicoli di personale sanitario e dei tecnici ospedalieri; veicoli per il trasporto dei bambini e dei ragazzi per asili nido, scuole dell’infanzia, scuole secondarie di primo grado, limitatamente alla mezz’ora antecedente e successiva all’inizio e alla fine delle lezioni; veicoli di società sportive, limitatamente al percorso casa – impianto sportivo e viceversa e limitatamente ad un’ora prima e dopo l’inizio e fine dell’attività sportiva, muniti di chiara identificazione della società. Ulteriori informazioni disponibili sul sito del Comune di Treviso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pm10 e smog, a Treviso torna il livello di allerta "rosso"

TrevisoToday è in caricamento