rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
Attualità Motta di Livenza

Addio ad Annita Buosi, ferita in cimitero da un ordigno di Unabomber

Aveva 85 anni: nel novembre del 2001 aveva perso tre dita della mano ed era rimasta ferita all'occhio a causa dell'esplosione di un ordigno piazzato da Unabomber nel cimitero di Motta di Livenza. Venerdì 26 maggio l'ultimo saluto

Annita Buosi è mancata all'affetto dei suoi cari mercoledì 24 maggio: aveva 85 anni ed era una delle nove persone rimaste ferite dagli ordigni di Unabomber. Il 2 novembre del 2001, in occasione della ricorrenza dei Morti, la signora Annita si trovava in cimitero a Motta di Livenza per mettere dei lumini bianchi sulle lapidi rimaste senza. Arrivata alla tomba dei coniugi Ada e Antonio Giacomini, Annita si era accorta di un cero rosso posizionato al contrario sulla lapide. Girandolo era avvenuta la tragedia. Il cero era infatti un ordigno esplosivo con all'interno chiodi e bulloni che le aveva spappolato tre dita della mano ferendola anche all'occhio e in viso. Da quell'episodio la signora Annita non si era mai davvero ripresa, continuando a vivere con una ferita interiore che non si era mai davvero rimarginata.

Originaria di Motta di Livenza, si era trasferita a Milano per lavorare nella casa di moda Luisa Spagnoli. Raggiunta la pensione, aveva fatto ritorno a Motta di Livenza proprio negli anni in cui erano iniziati i primi casi di ordigni preparati da Unabomber. A piangerla oggi i nipoti Paola, Lucia, Angelo, Daniela e Giorgio e le pronipoti Giulia, Martina e Francesca. L'ultimo saluto sarà celebrato venerdì 26 maggio, alle 17.30, nel Duomo di San Nicolò a Motta di Livenza. Dopo il rito funebre la salma di Annita verrà cremata, le ceneri saranno tumulate nel cimitero di Motta di Livenza mercoledì 31 maggio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addio ad Annita Buosi, ferita in cimitero da un ordigno di Unabomber

TrevisoToday è in caricamento