rotate-mobile
Lunedì, 20 Maggio 2024
Attualità

Marmolada, un anno dopo la tragedia: «Cicatrice che non dimenticheremo mai»

Il 3 luglio del 2022 undici persone persero la vita sul ghiacciaio a causa di una valanga improvvisa. Otto di loro erano residenti in Veneto. Il ricordo e il cordoglio del presidente Luca Zaia: «La montagna deve continuare a essere vissuta anche per loro»

È trascorso un anno esatto dalla tragedia della Marmolada nella quale hanno perso la vita undici persone. Il Veneto è stato il territorio con il maggior numero di vittime, otto: Filippo Bari, Tommaso Carollo, Paolo Dani, Nicolò Zavatta, Davide Miotti, Erika Campagnaro, Gianmarco Gallina e Manuela Piran. Una tragedia che ha colpito chi la montagna l’amava, la viveva e la affrontava pienamente.

«Una tragedia che ha lasciato il segno: un dolore indimenticabile nelle famiglie delle vittime e dei feriti, di chi si è speso per portare aiuto. I segni sul ghiacciaio della Regina delle Dolomiti si possono ancora osservare, è una ferita aperta - Con queste parole il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, ha ricordato l’anniversario della tragedia della Marmolada -. Quel giorno, domenica 3 luglio, il sole splendeva e sembrava un giorno perfetto per una scalata, almeno per le cordate di alpinisti che si erano avventurate sulle nostre Dolomiti. Era caldo, troppo caldo per quella zona dell’area dolomitica. Alle 13.43 è scoppiato il Big Bang: è l’ora in cui si è registrato il crollo della parte sommitale del ghiacciaio e il distacco di una massa enorme di ghiaccio e pietra che ha travolto i malcapitati. Se prima c’era il sole con la sua luce e la spensieratezza che li avvolgeva, immediatamente dopo è piombato il buio, il silenzio e la catastrofe. La tragedia della Marmolada rimarrà una cicatrice del nostro Veneto che non potremo dimenticare - aggiunge Zaia -. Abbiamo perso delle vite, le abbiamo piante insieme ai familiari. Voglio ricordare gli sforzi dei soccorritori, che hanno dato il massimo in quelle ore complicate: senza poter sapere se potessero cadere altre scariche, si sono fatti lasciare dagli elicotteri sul ghiacciaio, ponendo la propria incolumità un passo indietro lo spirito di servizio. Grazie al Soccorso Alpino veneto e trentino, agli uomini del Suem 118, ai vigili del fuoco e alle forze dell'ordine. E anche agli uomini delle istituzioni e della Protezione Civile, tutti uniti in uno sforzo corale che ha esaltato le capacità di soccorso. La montagna - conclude Zaia - rappresenta in Veneto uno dei pezzi di territorio più straordinari e apprezzati e, come tale, dobbiamo fare ogni sforzo per rispettarla e averne cura. Ma con la consapevolezza che anche un ambiente molto frequentato e apparentemente ‘friendly’, come le nostre Dolomiti, può esprimere fenomeni imprevedibili, intensi, pericolosi: sono le leggi della natura, dove il potere dell’uomo non può che arrendersi. La montagna va vissuta, va visitata, va esplorata, non deve trasformarsi in un museo intoccabile che si guarda da lontano. Anche nel ricordo di chi, quel giorno, ha perso la vita o è rimasto ferito, praticando l’attività che amava».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marmolada, un anno dopo la tragedia: «Cicatrice che non dimenticheremo mai»

TrevisoToday è in caricamento