Vittorio Veneto: una messa in ricordo di tutti i cittadini morti per il Coronavirus

Sarà celebrata dal Vescovo della città, Corrado Pizziolo, venerdì 3 luglio alle ore 19 nella Cattedrale di Ceneda. La cerimonia proposta dai consiglieri comunali Balliana e De Bastiani

In foto il Vescovo di Vittorio Veneto, Corrado Pizziolo

Il Coronavirus ha lasciato un doloroso segno anche nella comunità di Vittorio Veneto, causando lutti e sofferenze spesso vissuti senza il conforto di parenti ed amici. Con l’auspicio che tutto ciò appartenga al passato, il lento ritorno alla normalità porta ora con sé anche lo spazio per momenti di ricordo e commozione da vivere in comunità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ecco perché, venerdì 3 luglio alle ore 19 nella Cattedrale di Ceneda, Monsignor Corrado Pizziolo celebrerà una Santa Messa di suffragio per i vittoriesi scomparsi a seguito dell’epidemia di Coronavirus. Con il rito religioso si adempie così all’invito di ricordare i concittadini deceduti, contenuto nella mozione dei consiglieri comunali Mirella Balliana e Alessandro De Bastiani, discussa nel Consiglio comunale del 4 maggio scorso, tenutosi nell’aula civica del Museo della Battaglia e approvata all’unanimità. Alla Santa Messa parteciperanno il sindaco Antonio Miatto, il presidente del Consiglio comunale Paolo Santantonio, la Giunta ed i consiglieri comunali. La celebrazione è dedicata ai familiari dei nostri defunti e a tutti i vittoriesi che intendono ricordare e pregare per i concittadini morti a causa dell’epidemia. Tutti sono invitati a partecipare. La città di Vittorio Veneto ringrazia di cuore il Vescovo Pizziolo per aver accolto l’invito a celebrare il rito di suffragio con cui la città intende ora esprimere vicinanza e partecipazione alle famiglie dei defunti che, nel pieno della epidemia, non hanno potuto celebrare le esequie ed hanno dovuto accompagnare i loro congiunti al cimitero nella più completa e inumana solitudine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento