Scuola Dieffe al Meeting di Rimini, Donazzan: "Vetrina per il Veneto e le colline Unesco"

L'assessore veneto all'istruzione: "Studenti, docenti e preside Raffaelli sono ambasciatori entusiasti ed instancabili del nostro Veneto e delle sue bellezze"

La scuola di formazione professionale Dieffe di Valdobbiadene, guidata da Alberto Raffaelli, è stata presente al meeting di Rimini con un proprio stand animato da studenti, formatori e docenti e dal meglio dei propri prodotti, dal ‘Pan da Vin’ ai formaggi ‘Bastardo del Grappa’ e ‘Morlacco stagionato’, all’insegna dello slogan “prodotti di classe". Tra i visitatori dello stand Dieffe, nella fiera di Rimini, anche l’assessore all’istruzione e formazione della Regione Veneto, Elena Donazzan.

“La presenza della scuola di Valdobbiadene a Rimini - sottolinea Donazzan – promuove presso il grande pubblico internazionale del Meeting l’alta qualità delle produzioni agroalimentari ed enogastronomiche del Veneto, nonché l’eccellenza della nostra formazione professionale fortemente collegata alla vocazione turistica veneta e alle esigenze degli operatori”. Allievi e docenti della Dieffe hanno messo in vetrina, sino a sabato, ogni giorno un differente prodotto tipico della gastronomia veneta, dal miele alle erbe selvatiche, dai salumi ai formaggi, dalle ostriche venete alle conserve: tutti prodotti rigorosamente abbinati ad un Valdobbiadene DOCG delle cantine partner dell’iniziativa (Valdo Spumanti, Adami, Gemin, Bortolin Angelo, Mionetto, Fasol & Menin, La Tordera, e Villa Sandi). Sessioni di show cooking e laboratori didattici hanno coinvolto i visitatori, muniti di grembiule con copricapo ‘usa e getta’ e guanti in lattice, nello sperimentare in prima persona le attività della Scuola di Valdobbiadene, guidati dallo chef Marco Pesce, dal casaro Elio Codemo e dai docenti Elisa Scattolon, Alberto Spina, Paolo Andreolli ed Enrica Bertoldin.

“Migliaia i visitatori hanno transitato in questi giorni allo stand Dieffe – commenta l’assessore - una vera e propria vetrina sul Veneto, che assume un significato particolare a poche settimane dalla nomina a patrimonio dell’umanità delle Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene. Studenti, docenti e preside Raffaelli sono ambasciatori entusiasti ed instancabili del nostro Veneto e delle sue bellezze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Cadavere affiora dal Monticano, è il corpo di Marco Dal Ben

  • Tragedia da "Ciao bei": aiuto cuoco muore per un malore

Torna su
TrevisoToday è in caricamento