rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Centro

Lotta agli accattoni, via i "professionisti" dalla città

Il provvedimento del Comune di Treviso non è generalizzato: riguarda solo i "mendicati di professione", aventi determinate caratteristiche

TREVISO - Lotta all'accattonaggio selettiva. Le disposizioni del Comune di Treviso per allontanare gli accattoni dalla città non sono generalizzate, bensì sono rivolte a casi specifici: quelli dei "mendicanti professionisti".

A fare chiarezza sul provvedimento che ha sollevato non poche perplessità in città è il vicesindaco Roberto Grigoletto. Il foglio di via raggiungerà solo una certa tipologia di soggetti, aventi determinate caratteristiche. I destinatari saranno persone non iscritte all'anagrafe, nullafacenti, prive di legami familiari nel Paese e in condizioni di salute tali da poter sopportare l'allontanamento.

Niente a che fare, dunque, con il provvedimento proposto a suo tempo dalla giunta leghista. La misura dell'amministrazione Manildo distingue tra poveri veri e protagonisti del racket dell'elemosina, gestito da organizzazioni criminali. Per questo gli agenti della polizia locale e della questura lavoreranno fianco a fianco con i servizi sociali.

Il rischio, però, è che i mendicanti cacciati da Treviso si spostino nei centri limitrofi. Per questo la lotta all'accattonaggio verrà coordinata con gli altri Comuni, in primo esperimento di Pa.Tre.Ve.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta agli accattoni, via i "professionisti" dalla città

TrevisoToday è in caricamento