rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca Caerano di San Marco

Scambia il vicino per l'amante della moglie, lo picchia e gli ruba l'orologio d'oro

I fatti sono accaduti nel novembre del 2020 a Caerano. L'uomo, un 50enne di origine albanese, è indagato per i reati di lesioni personali aggravate e rapina, essendo sospettato di aver sottratto alla presunta vittima il Cartier che questi aveva al polso

Strattonamenti, spinte e poi pugni in faccia e al corpo. Sarebbe stato proprio accecato dalla gelosia il 50enne, di origine albanese, che nel novembre del 2020 avrebbe picchiato un vicino di casa, sorpreso in macchina con la moglie. Il procedimento nei confronti dell'uomo si trova adesso nella fase dell'udienza preliminare di fronte al gup Cristian Vettoruzzo, che lo ha aggiornato al 17 ottobre prossimo per consentire al difensore di prendere visione e valutare un documento entrato nel fascicolo dell'indagine e relativo alla deposizione della consorte.

Il 50enne avrebbe "annusato" da tempo che la moglie potesse essergli infedele ma non aveva una idea precisa di chi fosse il terzo incomodo nel loro rapporto. Succede però che, nel corso dell'autunno di tre anni fa, a Caerano, trova lei in macchina con un vicino di casa. L'albanese avrebbe così visto i suoi sospetti prendere tutto d'un tratto una forma precisa e, indossato un tirapugni, avrebbe aperto la portiera dell'auto e cominciato a malmenare il malcapitato.

Dopo l'aggressione, molto violenta e in cui il 50enne avrebbe letteralmente preso a pugni in faccia il "rivale" causandoli svariate ferite, non si trova più l'orologio d'ora di Cartier che il vicino di casa, presunto adultero, portava al polso. «Lo ha preso lui – ha detto la vittima nella denuncia - non c'era nessun altro sul posto, se manca allora me l'ha rubato». E così il pubblico ministero Francesca Torri, che aveva aperto un fascicolo le lesioni personali aggravate dall'uso di un'arma, gli contesta anche il reato di rapina.

Il malcapitato, che secondo quanto ha riportato nelle querela si trovava sì in macchina con la signora ma per discutere di alcune faccende condominiali, era stato ricoverato al pronto soccorso di Montebelluna dove i sanitari avevano inizialmente formulato una prognosi di 20 giorni, saliti poi a cinquanta dopo la visita del medico di base. Il legale del vicino di casa, l'avvocato Marco Furlan, ha preannunciato la costituzione del suo assistito come parte civile (probabilmente di andrà verso un processo con il rito abbreviato) in quanto le richieste di risarcimento del danno, presentate nel frattempo come istanza extragiudiziale, sono cadute tutte nel vuoto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scambia il vicino per l'amante della moglie, lo picchia e gli ruba l'orologio d'oro

TrevisoToday è in caricamento