menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autotrasportatori abusivi deviano la rotta rubano il lavoro agli italiani

Alcuni camionisti effettuano delle consegne in Italia durante la loro tratta all'estero. Si tratta di un secondo lavoro che risulta del tutto illegale

Partono per una tratta internazionale ma deviano in Italia per effettuare altre consegne nel mezzo, una sorta di secondo lavoro per alcuni autotrasportatori incastrati dalla polizia martedì.

Il primo è stato fermato a Conegliano: si tratta di un 43enne austriaco privo di licenza comunitaria, che stava trasportando abusivamente un gatto delle nevi da Auronzo di Cadore a Signoressa. Per lui, multa di 5 mila euro e fermo amministrativo.

Sanzione leggermente inferiore, invece, per un altro camionista, un 45enne di Padova beccato alle 10 di mattina a Ponzano senza essere iscritto all’albo degli autotrasportatori. Ora dovrà pagare 4.130 euro di multa e l’autocarro resterà fermo per tre mesi.

A Vittorio Veneto, invece, fermato un autotrasportatore ungherese di 59 anni che guidava da 15 ore di fila, un vero e proprio record. Per lui mille euro di sanzione e decurtazione di 20 punti dalla patente. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Aeroporto Canova, Ryanair annuncia la programmazione estiva

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento