Cronaca

Immigrazione: sit in di Forza Nuova davanti alle prefetture

I rappresentanti del movimento giovedì 18 giugno presenteranno ai prefetti dei casi limite di italiani in grave difficoltà economica.

La prefettura di Treviso

TREVISO “Prima i profughi italiani”. Si chiamerà così la serie di manifestazioni organizzata da Forza Nuova sul tema dell’immigrazione e in programma giovedì 18 giugno. Sit in davanti alle prefetture per presentare ai prefetti dei casi reali di italiani in difficoltà.

“Da anni suoniamo il campanello d’allarme e in questi giorni stiamo assistendo ai ripetuti segnali di un disastro sociale largamente annunciato – spiega Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova -. Casi di scabbia e malaria nelle stazioni di Roma e Milano, le intemperanze impunite dei rom, i machete dei sudamericani e l'esodo senza fine delle centinaia di migliaia di disperati dall’Africa. Servono misure eccezionali ed invece l’Europa se ne lava le mani: la Francia, paladina della fratellanza, chiude le frontiere, la Gran Bretagna contribuisce con la sua Marina a portare da noi altri clandestini, Matteo Renzi farfuglia di un piano B che anziché incuriosirci ci angoscia”.

Ai prefetti chiederemo che i 35 euro al giorno siano utilizzati anche per le nostre famiglie. Ci sentiamo obiettare - continua Fiore - che i soldi arrivano dal Fondo Europeo per i Rifugiati e che spettano “di diritto” ai profughi; ebbene il concetto non cambia: un buon padre di famiglia dovrebbe prima aiutare i suoi figli, pertanto chiediamo di aiutare prima i nostri cittadini, visto che sono anche cittadini europei. All’Europa abbiamo già ceduto la nostra sovranità monetaria e politica ed è l’Europa ad essere in debito, con i profughi che ha prodotto, prima di tutto, nei Paesi che ne fanno parte”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Immigrazione: sit in di Forza Nuova davanti alle prefetture

TrevisoToday è in caricamento