rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca Paese / Via Trieste

Pioniere del rugby ed ex muratore, il Covid si porta via "El puma"

Ulderico Baldonero, 71enne di Paese, era ricoverato dallo scorso 26 dicembre in ospedale a Feltre. Colpito dalla polmonite era inizialmente risultato negativo ai test rapidi a cui era stato sottoposto al Ca' Foncello

In molti, a Paese e non solo, lo conoscevano per il suo soprannome, "El puma": gli era stato affibbiato fin da ragazzino quando era una giovane promessa del rugby (agli albori dell'introduzione di questo sport nella Marca) ed era appunto veloce e agile, come il noto felino. Ulderico Baldonero, pensionato di 71 anni, è mancato venerdì scorso all'ospedale di Feltre dove si trovava ricoverato fin dallo scorso 26 dicembre: a stroncarlo è stato il Covid-19. I primi segnali del contagio erano comparsi prima di Natale, il 22 dicembre, con una forte polmonite: i primi test rapidi effettuati al Ca' Foncello di Treviso non avevano rivelato la positività al coronavirus. La scoperta -riferiscono i famigliari- è avvenuta qualche giorno dopo, con un test molecolare. Baldonero, le cui condizioni sono apparse fin da subito gravi, è rimasto ricoverato in terapia intensiva per oltre un mese, fino alla resa, venerdì scorso. Il funerale sarà celebrato mercoledì 3 febbraio, alle 10.30, presso la chiesa Arcipretale di Paese. Il 71enne non si era mai sposato e viveva a Paese, in via Trieste. In queste ore lo piangono le sorelle, entrambe religiose, suor Irma e suor Monica, i fratelli che vivono in Canada, Angelo, Davide, Zafferino e Cornelio, Elena e i nipoti Leonardo e Luca.

"El puma" ha lavorato per tanti anni come muratore per alcune aziende edili della zona di Paese, tra cui la "Pio Guaraldo" e la "Mattarollo": un'importante opera che coordinò molti anni fa, ricorda il parroco don Giuseppe, fu il restauro della chiesa parrocchiale di Paese che era a rischio crollo. Di animo generoso e gentile, Ulderico Baldonero, continuò dopo la pensione ad aiutare la comunità in cui viveva ma non solo: con altri ex muratori si è recato in più occasioni in Africa a offrire il suo aiuto per la costruzione di scuole e altri edifici fondamentali per la crescita dei paesi del terzo mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pioniere del rugby ed ex muratore, il Covid si porta via "El puma"

TrevisoToday è in caricamento