menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento dell'inaugurazione con l'assessore De Berti

Un momento dell'inaugurazione con l'assessore De Berti

Trasporti, inaugurata la linea ferroviaria elettrificata Padova-Montebelluna

Domenica è stata anche attivata la linea Bassano-Padova. L'assessore regionale De Berti: «Giornata storica. Da oggi treni più puntuali, confortevoli e sostenibili»

Dopo tre anni di lavoro e tre mesi di test, è attivo da oggi il nuovo tratto elettrificato della linea ferroviaria Padova-Montebelluna e Bassano-Padova. A compiere il viaggio inaugurale questa mattina è stata la Vicepresidente e assessore ai Trasporti del Veneto Elisa De Berti. Con lei erano presenti il direttore regionale di Trenitalia Tiziano Baggio, i rappresentanti di RFI Francesca Perrone e Patric Marini e i sindaci dei comuni interessati dall’infrastruttura: Elena Pavan sindaco di Bassano del Grappa, Luca Pierobon sindaco di Cittadella, Katia Maccarone sindaco di Camposampiero, Marica Galante vicensindaco di Castelfranco ed Elzo Severin sindaco di Montebelluna.

«A partire da oggi circoleranno treni elettrici sostenibili, confortevoli e affidabili lungo un asse ferroviario frequentato ogni giorno, in periodo pre-Covid, da oltre 30 mila fra pendolari e studenti: 15 mila sulla Bassano- Venezia, 10 mila sulla Castelfranco-Montebelluna e 7 mila sulla Bassano-Padova - afferma la vicepresidente De Berti - Questo si tradurrà in un servizio per gli utenti migliore, più moderno e puntuale grazie alla maggiore affidabilità, oltre al fatto che questo intervento renderà possibile sulle due linee venete la sostituzione dei convogli diesel». L’opera, costata 24 milioni di euro, rientra nell’ambito del finanziamento di 30 milioni destinati all’elettrificazione di queste tratte e della Conegliano-Vittorio Veneto.

«Con questi ulteriori 45 chilometri di infrastruttura (30 km della Camposampiero-Cittadella-Bassano e 15 km della Castelfranco-Montebelluna) si aggiunge un fondamentale tassello all’ambizioso programma di elettrificazione del bacino padano promosso dalla Regione Veneto e attuato da Rete Ferroviaria Italiana - spiega la Vicepresidente - L’obiettivo è quello di rivoluzionare il trasporto su ferro, massimizzandone i vantaggi in termini di sostenibilità ambientale. Da oggi saranno finalmente eliminate le attuali locomotive che consumano 3 litri di gasolio a chilometro, e al loro posto circoleranno treni a emissioni zero. Con l’inaugurazione di oggi parliamo di un cambiamento epocale per il trasporto pubblico locale».

In attesa del completamento delle previste consegne dei nuovi convogli Pop e Rock, sulla linea viaggerà il materiale elettrico attualmente disponibile nel parco rotabile di Trenitalia del Veneto. «Il prossimo step - conclude la Vicepresidente - sarà l’elettrificazione della Venezia-Belluno per i quali i lavori termineranno fra dicembre e gennaio 2021. Da domani partiranno anche i cantieri per l’elettrificazione della Feltre-Belluno funzionali al completamento della Treviso-Belluno che RFI conta di terminare entro il 2024».

GLI INTERVENTI DI ELETTRIFICAZIONE E I SERVIZI

I lavori di potenziamento rientrano negli sviluppi previsti dall’Accordo Quadro tra RFI e Regione Veneto. Gli interventi hanno riguardato 45 km di linea delle due tratte la cui attivazione è un primo passo verso la completa elettrificazione della rete dell’alto trevigiano e del bellunese, progetto che consentirà di disporre di una rete più prestante e flessibile e condizione fondamentale per un miglioramento dell’intermodalità del Trasporto Pubblico Locale. Le opere si inseriscono inoltre tra i cantieri finalizzati a migliorare la rete ferroviaria in vista delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026, con l’obiettivo di intercettare la relativa domanda di mobilità con un’adeguata offerta su ferro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento