rotate-mobile
Attualità

Terza dose agli insegnanti, il Pd Veneto: «Indispensabile per lezioni in presenza»

Appello dei consiglieri regionali al Governo: «Piemonte, Lazio e Campania si sono già mosse in autonomia. Anche il Veneto faccia la sua parte e vaccini tutte le fasce d'età»

«Per garantire le lezioni in presenza devono esserci gli insegnanti. Per questo è necessario procedere subito alla terza dose per chi ha ricevuto la seconda più di sei mesi fa e servono regole uniformi a livello nazionale. Nel frattempo però alcune regioni si sono mosse in autonomia, come Piemonte, Lazio e Campania. Anche il Veneto faccia la propria parte».

A chiederlo sono i consiglieri regionali del Partito Democratico veneto con un doppio appello rivolto al Governo e alla Regione. «Occorre creare una corsia preferenziale, anziché procedere soltanto per fasce anagrafiche e immunizzare immediatamente quelli con il ‘vaccino scaduto’. Far ripartire la scuola in presenza dopo mesi di lezioni da remoto è stato un grande successo, i nuovi protocolli pensati per ridurre al minimo la didattica a distanza vanno nella giusta direzione, ma se non si immunizza il corpo docente rischia di essere tutto inutile. La scuola è un settore delicato e in questi giorni stiamo assistendo ad un aumento di focolai e quarantene: la soluzione migliore per evitare questo rischio - insistono - è somministrare la terza dose agli insegnanti vaccinati da oltre sei mesi, indipendentemente dalla loro fascia di età».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terza dose agli insegnanti, il Pd Veneto: «Indispensabile per lezioni in presenza»

TrevisoToday è in caricamento