menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La struttura della Divina Provvidenza

La struttura della Divina Provvidenza

Il Covid entra alla Casa soggiorno Divina Provvidenza: contagiati 14 anziani

Tra i 117 ospiti della casa di riposo 14 sono risultati positivi al test rapido e posti subito in isolamento. Tutti negativi, invece, gli operatori sanitari

Durante la prima ondata dell’emergenza Covid-19 il virus non è mai entrato nella Casa soggiorno Divina Provvidenza di Santa Lucia di Piave. Tuttavia, in questa seconda ondata il virus si sta diffondendo in modo più capillare sul territorio ed è riuscito ad entrare anche nella casa di riposo santaluciese.

A seguito dello screening previsto dal Piano di Sanità pubblica (che prevede il tampone rapido ogni 20 giorni per gli ospiti e ogni 8 giorni per gli operatori sanitari), 14 ospiti (su un totale di 117) sono difatti risultati positivi al test rapido e conseguentemente sottoposti al tampone molecolare per cui la struttura è ora in attesa della conferma della positività da parte dell’Ulss 2. In ogni caso, si tratta di casi tutti asintomatici, mentre sono tutti negativi invece gli operatori sanitari. I quattordici anziani che sono risultati positivi sono stati comunque immediatamente messi in isolamento nell’apposito nucleo all’interno della struttura, in attuazione dei protocolli del caso. È stato inoltre attivato un secondo nucleo speciale nel quale sono stati inseriti gli ospiti che sono venuti a contatto con i positivi.

«Siamo una delle ultime strutture della provincia nella quale si sono manifestati casi di Covid – afferma il direttore Marco Sossai – Ma la seconda ondata sta colpendo il territorio in modo più capillare. Dopo il Dpcm di ottobre, la struttura è stata nuovamente chiusa alle visite dei famigliari. Ci stavamo attivando per predisporre le visite attraverso il vetro, ma la struttura ha dei limiti architettonici che dobbiamo superare». Ora il progetto sarà sospeso anche se «il nostro obiettivo – dice il direttore – è sempre quello di mantenere costanti i contatti tra ospiti e famigliari. Finora lo abbiamo fatto con le videochiamate. Nei prossimi giorni attiveremo questa modalità anche per gli ospiti nei nuclei Covid». 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Con un "gratta e vinci" da 5 euro ne vince 500mila

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Male incurabile, il barman Mauro muore a soli 27 anni

  • Cronaca

    Parkour per bambini al Biscione: i carabinieri li fanno sgomberare

  • Attualità

    Covid, addio all'imprenditore Vasco Cavasin: aveva 72 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento