Cronaca Pieve di Soligo / Via Pati

Uccisa mentre prende il sole al Piave: i genitori chiudono il bar di Elisa

A Pieve di Soligo, paese d'origine della famiglia Campeol, è comparso il cartello "Affittasi" fuori dal locale dove lavorava la 35enne assassinata in riva al Piave a Moriago della Battaglia

Elisa Campeol

Impossibile andare avanti senza Elisa: i signori Campeol, genitori della 35enne assassinata a Moriago della Battaglia, hanno deciso di cedere l'attività di famiglia, che nell'insegna porta proprio il nome di loro figlia.

Come riportato da "La Tribuna di Treviso", l'Elis bar di Via Pati è stato messo in affitto nei giorni scorsi. Dopo la tragedia del 23 giugno scorso il bar non aveva più riaperto i battenti al pubblico. Ora è arrivata la sofferta decisione di cedere l'attività. Elisa Campeol aveva lavorato a lungo nel bar di famiglia, negli ultimi tempi però l'aveva lasciato in gestione ai genitori, con l'intenzione di affrontare un nuovo lavoro, dedicandosi allo studio delle discipline olistiche e aprendo un centro di sua proprietà. Sogni rimasti nel cassetto a causa di una tragedia ancora impossibile da accettare per tutte le persone che avevano conosciuto Elisa. Il suo killer, Fabrizio Biscaro 34enne di Col San Martino, resta in carcere a Santa Bona, in attesa dell'incidente probatorio fissato per martedì 7 settembre.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccisa mentre prende il sole al Piave: i genitori chiudono il bar di Elisa

TrevisoToday è in caricamento