Non paga un debito, gli strozzini lo minacciano con una pistola e gli incendiano la casa

Protagonisti della vicenda un 49enne ed un 31enne italiani, entrambi con pregiudizi alle spalle. La vittima, invece, è uno straniero di 56 anni

L'arma sequestrata

I carabinieri della Stazione di Valdobbiadene hanno denunciato in stato di libertà due italiani del posto, un 49enne ed un 31enne entrambi con pregiudizi alle spalle, che nella serata di mercoledì si sono resi responsabili in concorso dei reati di minaccia aggravata e danneggiamento a seguito di incendio ai danni di un 56enne straniero dimorante nella zona.

Nel frangente i due indagati, per futili motivi e a fronte pare di un debito non ottemperato di alcune centinaia di euro da parte della vittima, si sono presentati alla sua abitazione e uno di loro lo ha minacciato puntandogli contro una pistola. Successivamente, dopo essersi allontanati, i due si sono presentati nuovamente presso la casa del 56enne e, dopo aver rotto una finestra, hanno incendiato un cumulo di materiale di scarto presente all’interno. Successivamente, nel corso di una tempestiva perquisizione dei carabinieri effettuata presso l’abitazione, è stata rinvenuta la pistola scacciacani (con relative munizioni) utilizzata per minacciare la vittima. Per questi motivi, l'arma è stata infine posta sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

  • Assembramenti da happy hour in piazza Giorgione: «Sembrava di essere a Jesolo»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento