menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Giancarlo Di Gallo

Giancarlo Di Gallo

Lo Sci Club Cortina piange Giancarlo Di Gallo, storico presidente della società

Il 66enne è spirato al Ca' Foncello dove si trovava ricoverato. Poche ore dopo la sua morte Cortina ha registrato anche la scomparsa dello "Scoiattolo" Candido Bellodis "Fantorin"

Nella nottata tra giovedì e venerdì, all'ospedale Ca' Foncello di Treviso, è mancato all'età di 66 anni Giancarlo Di Gallo, uomo conosciuto per la sua dedizione alla famiglia, al lavoro e allo sport. Amante del tennis, del ciclismo e del basket, era soprattutto un grande appassionato fin da giovane dello sci, tanto che per tanti anni aveva ricoperto la carica di presidente dello Sci Club Cortina (oltre che di maestro libero professionista) dopo esserne stato un tesserato in gioventù. Imprenditore artigiano, lavorava nella ditta di famiglia a Cortina, un'azienda di tinteggiatura e decorazione pittoriche. La sua morte improvvisa ha destato tanto clamore in tutta la comunità ampezzana e la famiglia, appena giunta la notizia in città, è stata sommersa di messaggi di cordoglio. Di Gallo lascia la moglie Ivana, i figli Luca e Michele, le nuore Maria Eugenia e Giulia e gli adorati nipotini, oltre a tanti amici e colleghi.

Alle ore 13 di venerdì è invece mancato a Cortina d'Ampezzo, all'età di 87 anni, uno degli Scoiattoli di Cortina: Candido Bellodis "Fantorin". A fine giugno Candido era salito a Passo Giau per festeggiare gli 80 anni del sodalizio. "Dopo i fondatori del Gruppo Scoiattoli, siamo rimasti in quattro, poi ci sono i giovani", aveva detto in occasione della grande festa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento