rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca Pieve di Soligo

Tromba d'aria, ancora danni tra Pieve e Farra: tetti scoperchiati e alberi caduti

Nel tardo pomeriggio di giovedì sono state colpite dal maltempo alcune aziende del solighese e altre strutture tra cui il circolo ippico Tarvisium Stella. Vigile del fuoco cade nel vuoto da cinque metri mentre stava sistemando una copertura a Francenigo di Gaiarine, in via per Sacile

Vento forte e pioggia battente: sarebbe stata una tromba d'aria quella che nel tardo pomeriggio di ieri, 3 agosto, alle 17.30 circa si è abbattuta nella sinistra Piave, in particolare colpendo il solighese, sia Pieve che Farra. Numerosi gli alberi caduti e finiti sulle strade tra cui via Brandolini, via San Martino, via Chisini e altre. Una ventina in tutto gli interventi che i vigili del fuoco del comando provinciale di Treviso hanno dovuto eseguire sul territorio, soprattutto nell'area del Patean, tra via Pati e via Sernaglia. Già alle 19 tutte le strade della zona erano state liberate da eventuali ostacoli alla circolazione ma sono state diverse le aziende che hanno subito danni, soprattutto alle coperture. Colpito anche il circolo ippico Tarvisium Stella di Farra, in via San Tiziano: la copertura di dieci box delle scuderie è stata sradicata dalle forti folate di vento. Nessuna conseguenza per i cavalli. Lungo via del Sole una vela pubblicitaria da 15 quintali, di fronte al negozio "Berti sport" è stata sollevata dal vento e spostata almeno di una decina di metri, contro la recinzione di un'altra abitazione. A Sernaglia un grosso albero è caduto interrompendo la circolazione lungo la strada per Col San Martino. Ancora a Farra cadute piante in via San Giorgio, via San Nicolò e via Verdi. Oltre ai vigili del fuoco, sono intervenuti fino a tarda sera i volontari della protezione civile, coordinati dai sindaci Stefano Soldan e Mattia Perencin. Si tratta dell'ennesima ondata di maltempo delle ultime settimane nella zona del Quartier del Piave: le ultime avevano visto pesanti grandinate in tutta l'area, con alcuni vigneti, soprattutto nella zona di Vidor, abbattuti dalla tempesta. Sempre ieri pomeriggio un pompiere è rimasto ferito, fortunatamente non in modo grave, a Francenigo di Gaiarine, in via per Sacile: mentre stava sistemando la copertura di un'abitazione è scivolato, cadendo a terra da un'altezza di circa cinque metri. Infine si è registrata anche una frana, a causa della pioggia intensa, a Segusino, in via Cal del Pont: la strada è rimasta a lungo interdetta alla circolazione.

Maltempo, danni al Casagrande di Pieve di Soligo

Il maltempo che ha colpito la Marca Trevigiana, in particolare il solighese, ha interessato anche l’Istituto Casagrande di Pieve di Soligo che ha subito diversi danni: acqua penetrata nei laboratori raggiungendo i computer, sradicamento di diversi alberi, abbattimento delle transenne del cantiere in corso per l’ampliamento della struttura. La stima dei danni sarà effettuata nei prossimi giorni dopo attenti sopralluoghi.

I danni al Casagrande

«Il maltempo di questa estate purtroppo continua ad imperversare in Veneto. Tra la serata e la nottata di ieri è stata nuova colpita la zona di Pieve di Soligo, dove il maltempo ha provocato ancora danni. Voglio rassicurare cittadini e imprese che lo Stato di Emergenza attivo da luglio sarà esteso ai territori colpiti. I rilievi dei danni saranno inseriti nelle relazioni inviate a Roma per le richieste dello Stato di Emergenza Nazionale e lo stato di calamità per il settore agricolo». Questa la dichiarazione del Presidente della Regione del Veneto Luca Zaia in merito ai forti temporali che ieri sera si sono abbattuti sulla zona della pedemontana trevigiana, in territorio di Pieve di Soligo. Le previsioni indicano per oggi l’arrivo di una nuova perturbazione per la quale sussiste lo stato di attenzione in tutto il territorio regionale. «Le nostre strutture di Protezione Civile sono allertate perché le previsioni meteo indicano che alcune zone potrebbero essere colpite nuovamente da forti temporali dal pomeriggio di oggi fino a domattina – sottolinea ancora Zaia -. Le misure di prevenzione sono state attivate, in attesa di verificare quali saranno le evoluzioni. Esorto i cittadini a tenersi informati sulle previsioni meteo e di essere accorti in caso di fenomeni temporaleschi particolarmente seri».

Un tetto precipitato e la strada allagata

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tromba d'aria, ancora danni tra Pieve e Farra: tetti scoperchiati e alberi caduti

TrevisoToday è in caricamento