menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Villa d’Asolo in Festa”: in vetrina per il pubblico il vino e l'olio della Marca Trevigiana

“L’angolo dei sapori asolani” sarà dedicato ai prodotti enogastronomici del territorio. Ci saranno le degustazioni d'olio su pane ai cereali o con farina primitiva cotto a legna

ASOLO L’Amministrazione Comunale di Asolo appoggia la tutela e la difesa della biodiversità nel rispetto di un’agricoltura sostenibile, la salvaguardia delle produzioni tipiche e del nostro patrimonio ambientale. E’ così che nasce l’idea, d’accordo e in collaborazione con il Gruppo Spontaneo di Villa d’Asolo, di offrire ai produttori di olio, di vino (e non solo) una vetrina ottimale per valorizzare le migliori produzioni locali nell’ambito della manifestazione “Villa d’Asolo in Festa”. Tantissimi (migliaia) sono i visitatori che ogni anno scelgono come momento di intrattenimento la manifestazione ormai giunta alla trentesima edizione.

Due fine settimana (dal 1 al 3 e dal 7 al 10 settembre), una settimana di festeggiamenti in cui si inserisce come novità assoluta “L’angolo dei sapori asolani” dedicato appunto al vino, all’olio e ai prodotti enogastronomici del territorio. Ogni sera saranno presenti due sommelier che accompagneranno i visitatori alla scoperta dei vini selezionati. Non mancheranno le degustazioni di olio proposto su pane ai cereali o con farina primitiva cotto a legna. Saranno proposti anche salumi e formaggi a km 0 prodotti da aziende agricole (locali) Grazie alla collaborazione del Consorzio Vini Asolo e Montello e della Tapa olearia. Un progetto sostenuto dall’Amministrazione comunale e accolto con entusiasmo dal Gruppo Spontaneo di Villa d’Asolo. Un’occasione per innovare e caratterizzare la sagra di Villa d’Asolo. Un modo nuovo di concepire una festa come quella di Villa d’Asolo e un punto di partenza per crescere e distinguersi. Il futuro: puntare sulle eccellenze del territorio e sui produttori.

Asolo, città slow città del buon vivere, è un gioiello non solo storico-architettonico ma anche dal notevole patrimonio enogastronomico. Grazie al clima e alla posizione favorevole i colli asolani possono vantare non solo un’antica tradizione vitivinicola che affonda le sue radici nei tempi della Serenissima Repubblica di Venezia, ma anche una spiccata predisposizione per i prodotti locali di alta qualità come l’Asolo DOP olio extravergine pedemontana del Grappa. Gli olivi che qui vengono coltivati sono posizionati in assoluto nella latitudine più settentrionale di tutta Europa. Una cultura del vino che si afferma oggi con l’Asolo Prosecco DOCG e i vini DOC come il Pinot grigio, Pinot bianco, Merlot, Cabernet, Manzoni bianco e Chardonnay e la DOC Recantina vitigno autoctono

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Con un cinque al Superenalotto vince 17mila euro

  • Cronaca

    Ruba un aspirapolvere, 43enne arrestata dai carabinieri

  • Meteo

    Veneto, tornano piogge e temporali: «Rischio nubifragi a metà settimana»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento